WDH / ROUNDUP / Uber continua ad espandersi: il fornitore di mobilità viene lanciato a Colonia

(Nel penultimo paragrafo, prima frase, è stato eliminato un errore di battitura nel nome del capo di Uber-Germania).

COLONIA (YF) – La competizione per i taxi classici, il fornitore di servizi di mobilità Uber, continua ad espandersi. Giovedì la compagnia statunitense ha iniziato i suoi servizi a Colonia e quindi nella quinta regione tedesca. Il potenziale imprenditoriale locale per la sua azienda è eccezionale, ha dichiarato giovedì il boss della Germania Uber Christoph Weigler a Colonia. Tra le altre cose, ha sottolineato che l’anno scorso gli utenti di cellulari di Colonia hanno provato 300.000 volte invano per ordinare un veicolo attraverso l’app aziendale – erano spesso turisti che già usavano Uber nella loro terra d’origine. I servizi Uber esistono già a Berlino, Monaco, Dusseldorf e Francoforte sul Meno.

La compagnia statunitense fa affidamento su “Uber X”, il nome del loro servizio, sulle società di noleggio auto che forniscono autisti. Pertanto, i veicoli non sono considerati taxi convenzionali. Con questi, la compagnia statunitense collabora anche con “Uber Taxi” – per cui al passeggero viene applicata la tariffa normale.

Secondo l’azienda, 1.500 dei circa 8.000 tassisti di Berlino utilizzano Uber Taxi – a seconda della loro situazione di ordine, sono in viaggio per Uber o aziende come MyTaxi e compagnie di taxi classiche. “Credo davvero che siamo effettivamente partner e perseguiamo lo stesso obiettivo”, ha affermato Weigler. Il punto è che le persone non fanno più affidamento sulle auto private, ma sui servizi di mobilità alternativa: questo è un obiettivo comune.

Per gran parte dell’industria dei taxi, il concorrente emergente è ancora un panno rosso, anche perché le corse “Uber X” sono solitamente più economiche delle corse in taxi. Solo mercoledì migliaia di conducenti di taxi in Germania su corsari e manifestazioni hanno espresso il loro disappunto sui piani del ministero federale dei trasporti per liberalizzare il Fahrdienstmarkt. Questo sarebbe un vantaggio per i fornitori di mobilità come Uber, Moia, BerlKönig e CleverShuttle.

Dopo la partenza di Uber a Colonia, giovedì, i rappresentanti dei taxi hanno sostenuto le loro critiche. Ad esempio, Dennis Klusmeier, vicepresidente del Taxiverband NRW, ha fatto ricorso alle autorità per verificare infine la conformità di Uber alle normative vigenti. Accusa la compagnia di non rispettare l’obbligo di restituzione – le auto a noleggio devono tornare al loro “posto operativo” alla fine di un viaggio, a meno che non ci sia un collegamento immediato. Uber vuole “Dumpingpreisen” distruggere il mercato dei trasporti, al fine di controllarlo, ha detto Klusmeier. A Dusseldorf, dove Uber offre i suoi servizi dall’autunno 2018, il mercato dei taxi ha subito perdite.

La disputa sull’obbligo di rimpatrio impiega già tribunali tedeschi. Uber sottolinea sempre il rispetto delle normative. La modifica della legge federale potrebbe eliminare l’obbligo di restituire auto a noleggio e quindi anche Uber – che è anche il motivo per cui i rappresentanti dei rappresentanti dell’industria stanno attualmente reagendo molto emotivamente all’argomento: temono per la loro esistenza professionale.

Il capo della Germania Uber Weigler vuole continuare a fare affidamento sul dialogo per smussare le onde. Sente ancora l’accusa che la sua compagnia stia lavorando anche con privati ​​in Germania – lo ha fatto Uber alcuni anni fa, ma poi ha dovuto fermarlo. Nel frattempo, hai scommesso su piloti professionisti, ha sottolineato. “I pregiudizi possono essere eliminati attraverso la conversazione.” Anche a Colonia si vinceranno molti imprenditori di taxi come partner, il manager è fiducioso. Le prime collaborazioni esistono già.

Chiunque cerchi auto Uber a Berlino, Monaco o Colonia probabilmente cercherà invano – a differenza dei taxi, le auto a noleggio le cui corse sono organizzate da Uber non sono contrassegnate – assomigliano ad auto normali. / Wdw / DP / GAI / lui

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *