Wall Street termina più in alto con le preoccupazioni commerciali

NEW YORK (Reuters) – Mercati statunitensi chiusi in rialzo mercoledì, secondo le notizie secondo cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe trattenuto l’imposizione di dazi doganali sulle auto importate e le parti hanno attenuato i timori per la crescita, nonostante i dati economici abbiano deluso gli investitori.

FILE FOTO: gli operatori del settore lavorano a New York Stock Exchange (NYSE) a New York, USA, 14 maggio 2019. REUTERS / Brendan McDermid

Tutti e tre i principali indici statunitensi hanno visto il secondo giorno consecutivo di guadagni in seguito alle forti vendite di lunedì, ma l’indice S & P 500 è rimasto oltre il 3% al di sotto del massimo storico raggiunto poco più di due settimane fa.

La prospettiva di un rinvio di sei mesi delle tariffe alle auto e ai ricambi auto importati, insieme alle osservazioni del Segretario del Tesoro Steven Mnuchin secondo cui si aspetta che i negoziati commerciali riprendano presto in Cina, è stata una buona notizia per gli investitori, che hanno iniziato la sessione in un clima di vendita dopo i travolgenti rapporti economici.

Le vendite al dettaglio hanno registrato un calo a sorpresa ad aprile, in quanto i consumatori hanno ritirato le loro spese, secondo il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Un rapporto separato del Dipartimento del lavoro ha mostrato che la produzione industriale statunitense si è inaspettatamente immersa in aprile.

“(Gli investitori stanno) prendendo spunto dal presidente e dal segretario del tesoro come un po ‘un ammorbidimento nei negoziati commerciali”, ha dichiarato Robert Pavlik, capo degli investimenti strategici, senior portfolio manager presso SlateStone Wealth LLC a New York. “Questo sta dando al mercato le ragioni per credere che un accordo commerciale sia da qualche parte in vista”.

“Gli investitori sono entrati in questo schema di reazioni istintive”, ha continuato Pavlik. “È quasi come se accendessi un petardo e il cane scappasse e poi realizza che non è poi così male e inizia a rientrare”.

Il Dow Jones Industrial Average è salito di 115,97 punti, 0,45%, a 25.648,02, l’S & P 500 ha guadagnato 16,55 punti, o 0,58%, a 2.850,96 e il Nasdaq Composite ha aggiunto 87,65 punti, ovvero 1,13%, a 7.822,15.

Degli 11 principali settori dello S & P 500, otto hanno chiuso la sessione in territorio positivo, con i servizi di comunicazione che hanno ottenuto il maggior guadagno percentuale, guidati da Alphabet Inc e Facebook Inc.

Con 455 aziende dello S & P 500 che hanno pubblicato risultati, la stagione degli utili del primo trimestre è in calo. Di quelli che hanno segnalato, il 75,2% ha migliorato le aspettative.

Gli analisti ora vedono una crescita degli utili del primo trimestre dell’1,2%, una svolta significativa rispetto alla perdita del 2% registrata il 1 aprile.

Il Macy’s Inc è diminuito dello 0,5% dopo che il grande magazzino ha battuto le aspettative trimestrali, ma ha detto che i recenti aumenti tariffari sui prodotti cinesi danneggeranno la sua attività nel settore dell’arredamento.

Agilent Technologies Inc è stata la peggiore performance dello S & P 500, con un calo dell’11,0% dopo che il produttore di apparecchiature medicali ha riportato un profitto trimestrale inferiore alle stime di consenso.

I rivali Ride-hailing Uber Technologies Inc e Lyft Inc hanno visto il loro secondo giorno consecutivo di guadagni dopo le loro travolgenti performance post-debutto. Le loro azioni hanno avanzato rispettivamente il 3,3% e il 7,0%.

Le azioni di Cisco Systems Inc sono aumentate di oltre il 3% nel trading post-mercato in seguito al rilascio degli utili della società.

Walmart Inc è prevista una relazione prima dell’apertura del mercato di giovedì.

I problemi avanzati erano in calo rispetto a quelli in calo sul NYSE con un rapporto da 2,05 a 1; su Nasdaq, un rapporto 1,48-a-1 favorito i sostenitori.

L’S & P 500 ha pubblicato 23 nuovi massimi da 52 settimane e 12 nuovi minimi; il Nasdaq Composite ha registrato 64 nuovi massimi e 76 nuovi minimi.

Il volume delle borse statunitensi è stato di 6,29 miliardi di azioni, rispetto alla media di 7,00 miliardi degli ultimi 20 giorni di negoziazione.

Segnalazione di Stephen Culp; Montaggio di Cynthia Osterman

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *