Un gestore di denaro a $ 2,5 trilioni di State Street offre un'opportunità di investimento che si è appena aperta, uno dei quali è sopravvissuto a grandi spaventi politiche nel corso della storia

  • Le tensioni geopolitiche in tutto il mondo hanno generato un grado senza precedenti di incertezza in merito alla ricaduta economica di quegli eventi.
  • Lori Heinel, il vice direttore degli investimenti di $ 2,5 trilioni di State Street Global Advisors, ha interrotto la ricerca rivelando le opportunità di investimento che ci attendono e ha dichiarato a Business Insider dove gli investitori dovrebbero investire i loro soldi.
  • Visita BusinessInsider.com per altre storie.

Dalla Brexit alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, ci sono già sufficienti distorsioni politiche in atto per mantenere gli investitori del mercato azionario preoccupati per i risultati peggiori.

Ma invece di concentrarsi sui picchi di volatilità o di indovinare come risolvere questi problemi, gli investitori dovrebbero invece pensare più lontano al futuro, secondo Lori Heinel, vice direttore degli investimenti di State Street Global Advisors, un asset manager da 2,5 trilioni di dollari.

Quando si parla di guerra o minaccia di guerra, è molto più difficile cercare di ottenere un risultato di prezzo o una copertura contro i rischi, ha detto Heinel. Questo perché una grave escalation potrebbe portare a risultati molto binari, specialmente se la guerra nucleare è nelle carte.

Oggigiorno, le grandi minacce geopolitiche che gli investitori devono affrontare sono molto meno esistenziali, ma le conseguenze che gli investitori temono di più sono di natura più economica. Con una metrica, l’indice di incertezza della politica economica globale, i partecipanti al mercato non sono mai stati più preoccupati dell’impatto economico degli eventi politici.

La buona notizia è che ci sarebbe un vantaggio sul mercato diretto se questi problemi fossero conclusi in modo soddisfacente.

“Presumendo che alcune di queste cose vengano risolte in modi che non sono scenari peggiori, in realtà pensiamo che i mercati potrebbero andare più in alto da qui”, ha detto Heinel a Business Insider per telefono.

Ma non prendere solo le sue parole per questo. Una ricerca approfondita condotta da State Street ha dimostrato che, dopo importanti shock geopolitici, le azioni statunitensi erano per lo più più elevate entro l’anno successivo.

Strada statale

State Street ha anche esaminato le performance degli stock internazionali perché molti shock geopolitici sono di natura globale.

Un altro vantaggio dell’esame dei titoli globali è che in qualsiasi momento, il livello di S & P 500 riflette una pletora di punti di dati non politici.

State Street ha quindi esaminato la performance degli indici MSCI non statunitensi, ma è stata esaminata solo per i paesi che soddisfano quattro criteri: liquidità sufficiente, un tasso di cambio fluttuante, una mancanza di volatilità basata sui prezzi delle materie prime e una sufficiente esposizione geopolitica agli investitori globali . I quattro paesi dei mercati emergenti che hanno fatto il taglio sono stati India, Israele, Corea del Sud e Turchia.

Per saperne di più: Un selezionatore di titoli che domina il 92% dei suoi pari interrompe la sua strategia di battere il mercato e rivela 5 titoli che ama, anche se la crescita degli utili si prosciuga

In media, questi quattro mercati hanno registrato un calo del 2% nel mese dopo gli eventi negativi. Ma nell’anno successivo, erano rimbalzati di quasi il 13%.

Il grafico seguente illustra ulteriormente questo risultato, mostrando gli esiti ponderati del mercato in questi quattro mercati dopo shock positivi e negativi.

Strada statale

“L’altro modo di pensare a questo più alto rischio geopolitico è che il mercato sta effettivamente imponendo un premio di rischio per affrontare la geopolitica”, ha affermato Heinel.

Mentre gli investitori aspettano con ansia la risoluzione delle tensioni geopolitiche, almeno un mercato è già promettente secondo Heinel: titoli europei, se la Brexit raggiunge una conclusione soddisfacente.

La domanda su quali aree del mondo sono attraenti è stata più facile rispondere a pochi mesi fa, prima che le azioni rimbalzassero dalla correzione del tardo 2018 e diventassero più pienamente valutate, ha affermato Heinel. Favorisce ancora le azioni degli Stati Uniti, tuttavia, ritenendo che la combinazione di riforma fiscale e crescita degli utili societari fornirà una spinta più forte rispetto al resto del mondo.

Questa è una storia di soli iscritti. Per leggere l’articolo completo, fai clic qui per richiedere il tuo accordo e ottenere l’accesso a tutti i contenuti esclusivi di Business Insider PRIME.

Altro: Investire nel mercato azionario della Prime Geopolitics BI

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Sofia Bianchi

Sofia Bianchi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *