Uber ha speso 3,3 miliardi di dollari in acquisizioni nel 2018 e 2019 – 10 volte di più di Lyft

  • Uber’s S-1, presentato pubblicamente giovedì, ha rivelato circa $ 3,3 miliardi di spese di acquisizione nel 2018 e 2019.
  • La società ha anche rivelato il suo prezzo per JUMP, la società di azioni di biciclette che ha pagato $ 139 milioni per il 2018, secondo il deposito.
  • Ciò significa che Uber ha investito 10 volte in acquisizioni tra marzo 2018 e marzo 2019 rispetto a Lyft nel 2018.
  • Visita Businessinsider.com per altre storie.

L’S-1 di Uber, che la compagnia ha reso pubblico giovedì, è un tesoro di minuzie finanziarie che rivela com’è nei libri di una delle startup più alla moda della Silicon Valley.

Tra le gemme di Uber’s S-1: una descrizione di dove e come la società ha speso i suoi soldi per le acquisizioni.

Nel 2019, Uber ha acquisito Careem, la compagnia di condivisione del viaggio in Medio Oriente per $ 3,1 miliardi – $ 1,7 miliardi in banconote convertibili e $ 1,4 miliardi in contanti.

Nel 2018, Uber ha fatto due piccole acquisizioni.

Per espandersi in aree di trasporto oltre le auto, Uber ha acquisito la società di condivisione di biciclette e scooter JUMP, per 139 milioni di dollari, un prezzo che in precedenza non era stato rivelato.

Tale cifra era composta da 2,6 milioni di azioni Uber, quasi 500.000 in stock options e $ 46 milioni in contanti. Comprendeva $ 37 milioni per la tecnologia di JUMP, $ 4 milioni per le sue passività fiscali, $ 10 milioni per le sue attività, $ 4 milioni per le sue passività e $ 100 milioni per “avviamento”, che è essenzialmente il pagamento per il valore del marchio di una società desiderabile.

Uber ha anche acquisito una piccola azienda di tecnologia ristorante chiamata OrderTalk per integrare il suo servizio di consegna di cibo Uber Eats con i sistemi di punto vendita all’interno dei ristoranti. Uber non ha rivelato quanto ha pagato per OrderTalk.

Anche Lyft era impegnato

La piccola rivale di Uber Lyft ha speso $ 312 milioni per acquisizioni nel quarto trimestre del 2018, secondo il proprio S-1, presentato pubblicamente il 1 marzo. E la compagnia non ha rivelato alcuna acquisizione fino ad ora nel 2019.

Di quei $ 312 milioni, $ 250,9 milioni sono stati spesi su Motivate, una piattaforma di bike sharing con sede a New York e sostenuta da Al Gore. Lyft acquisisce Motivate per “stabilire un solido punto d’appoggio nel mercato delle quote di biciclette e offrire l’accesso a nuove opzioni di trasporto sulla piattaforma Lyft”, secondo l’S-1.

L’S-1 condivideva anche il nocciolo duro di esattamente come motivato da Lyft. Circa la metà del totale, $ 128,6 milioni, proveniva dal valore delle attività di Motivate, meno le sue passività. Le attività in questo caso comprendono i suoi contanti, le spese prepagate, le proprietà, le attrezzature e gli “intangibili” come i contratti con le città, i rapporti con gli utenti e la tecnologia sviluppata.

Forse più sorprendente è che $ 122 milioni di Pricetag di Motivate erano in buona volontà – che la società definisce come “stime e assunzioni significative, in particolare per quanto riguarda le attività immateriali”. Vale a dire, Lyft ha speso 122 milioni di dollari sulla scommessa che Motivate sarebbe buono come pensa di essere.

Per saperne di più: La società di videoconferenza Zoom potrebbe essere valutata a $ 8 miliardi nella prossima IPO

Lyft si è inoltre impegnata a investire $ 100 milioni nella crescita di Motivate a New York, secondo l’S-1. La notizia dell’accordo è stata annunciata a luglio, anche se ufficialmente chiusa alla fine di novembre.

Ma Lyft ha anche fatto altre due acquisizioni durante il quarto trimestre, per un valore totale di $ 62 milioni. Queste acquisizioni sono referenziate nell’S-1 come “due combinazioni di business”, che hanno coinvolto $ 35 milioni in contanti, $ 25,3 milioni in azioni e $ 1,7 milioni in “indennizzo”, che è legale per una garanzia contro eventuali perdite che una delle parti potrebbe affrontare.

Mentre Lyft era leggera sui dettagli, il 23 ottobre è stato annunciato che Lyft aveva acquisito Blue Vision Labs, una piattaforma AR supportata da GV che Lyft ha aggiunto alla sua divisione tecnologica auto-pilotante.

TechCrunch ha precedentemente riferito che Lyft ha acquisito Blue Vision Labs per $ 72 milioni. Secondo l’S-1, quella cifra era sbagliata.

Non è chiaro in questo momento quale sia stata la seconda acquisizione, o quanto di quella cifra totale di $ 62 milioni includa una delle acquisizioni.

Mentre i dettagli sono nuovi, Lyft è lontano da un novizio nel mondo delle acquisizioni. La società ha acquisito una gamma di società, dalla startup Cherry per il lavaggio su richiesta che ha acquisito per il suo team operativo nel 2013, alla piattaforma di social media live Kamcord che Lyft ha acquisito per il suo talento ingegneristico alla fine del 2017 .

Sai qual è il secondo acquisto misterioso di Lyft o quanto Uber ha pagato per OrderTalk? Email bpeterson@businessinsider.com.

Altro dal deposito IPO di Uber:

Uber ha chiesto di diventare pubblico in quella che potrebbe essere la più grande IPO degli ultimi anni

‘Non sarò perfetto, ma ti ascolterò.’ Il CEO di Uber delinea l’opportunità “enorme” dell’azienda, riconoscendo il suo passato turbolento in lettera agli investitori

Questa è una storia di soli iscritti. Per leggere l’articolo completo, fai clic qui per richiedere il tuo accordo e ottenere l’accesso a tutti i contenuti esclusivi di Business Insider PRIME.

Altro: BI Prime Lyft IPO Blue Vision Labs Lyft S-1

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Sofia Bianchi

Sofia Bianchi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *