Disastro in Emilia

Terremoto in Emilia: la disgustosa opinione di Pontifex

[ADSENSE 1]
Ci sono occasioni nelle quali si spera che ci sia un limite alla bassezza ed alla meschinità umana. Ci sono momenti della vita durante i quali ci auguriamo che, almeno per una volta, la nostra razza ci stupisca in meglio.  Puntualmente le nostre aspettative vengono disattese, nella maniera più becera che riusciamo ad immaginare.
Questo è il caso, e lasciatemi dire: “per l’ennesima volta”, dell’ultimo articolo di .
I firmatari dell’articolo, rispondenti ai nomi di Bruno Volpe e Carlo Di Pietro hanno espresso le loro opinioni riguardo ai due fatti di cronaca più importanti di questo periodo: il primo è quello dell’esplosione della bomba di Brindisi, costata la vita, come ormai tristemente ben sappiamo, ad una ragazza giovanissima. Il secondo riguarda il che ha colpito l’. Scrivono a questo proposito:

Dio è infinitamente buono, Essere misericordioso per eccellenza, non vuole il male dei suoi figli e non castiga nessuno. E’ il Dio della vita e la dona in abbondanza a chi segue il Suo amore ed i Suoi Comandamenti. Ma i fatti? Meritiamo il bene o il male?

Poi ancora:

Con la nostra cattiveria e fede inesistente, con il nostro egoismo, con la nostra indifferenza, costringiamo Dio ad acconsentire che accadano cose gravi: dei segnali da decifrare. A volte, Dio permette il male per arrivare al bene.

E riguardo al terremoto:

E in Emilia: voi ricca regione delle cooperative rosse, avete dato davvero quello che potevate dare ai poveri o avete pensato solo per voi? Regione della promiscuità e del comunismo, avete davvero ringraziato Dio per tutta la fertilità che vi è stata gratuitamente donata?

per concludere:

Ecco i frutti di una vita senza Dio; ecco i frutti di certi insegnamenti che, volutamente, allontanano l’uomo dalla preghiera e dal santo e doveroso timor di Dio!”

“Si rifletta e non si abbia paura di predicare la “verità che rende liberi”. Le chiacchiere ed i sermoni ambigui lasciamoli fare ai protestanti!

Davanti a parole di questo peso, personalmente da emiliano e da Ferrarese non posso che dire una sola cosa: mi disgustate.

Con queste vostre parole siete andati ben oltre. Fino ad ora lo scotto in vite umane che stiamo pagando è stato relativamente basso rispetto ad altri eventi similari, come il terremoto del Friuli o quello de L’Aquila, ma questo non vi da alcun diritto di asserire che il disastro e la sofferenza che stiamo subendo sia stato meritato in alcun modo. L’arroganza che dimostrate elevando voi stessi a interpreti del disegno e delle motivazioni divine non fanno altro che disonorare la razza umana alla quale appartenete, ma soprattutto getta fango sulla religione che dichiarate di predicare.

Se davvero Dio ha “lasciato che accadesse il male” allora sappiate che le sue mani sono sporche del sangue e delle lacrime delle persone che sono morte, che sono state ferite o che hanno perduto la casa ottenuta con grandi sacrifici.

E che dire delle molteplici infamie di cui la Chiesa o i suoi rappresentani si sono ricoperti? Anche nelle omissioni di opere, dice la vostra fede, si compie peccato. Ebbene ditemi ora, se avete il coraggio di replicare, dov’è la punizione che meritate voi per la pedofilia? Per l’imbarazzante ricchezza che possiede lo Stato del ? Ed al papa che ha dedicato la ridicola cifra di 100.000 € alle diocesi colpite dal terremoto? Dov’è la punizione che meritate per le crociate? Dov’è la punizione che meritate per l’inquisizione?

Oppure, come al solito accade, valutate con due pesi e due misure, a seconda di cosa vi convenga maggiormente?

Ditemi, che bene può provenire dal lasciare che questi mali avvengano?

Fate la scelta giusta, evitate di ricoprirvi di altra vergogna, e richiudete voi stessi nella clausura e nel silenzio dedicate ai ciarlatani di cui parlate nel vostro articolo.

Qui l’articolo di Pontifex:
http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/11799-attentato-e-terremoto-siamo-capaci-di-leggere-ancora-i-messaggi-di-dio

Redazione YouFOCUS.TV (nostro corrispondente da Ferrara)
[ADSENSE 2]




9 thoughts on “Terremoto in Emilia: la disgustosa opinione di Pontifex

  1. Marco

    Condivido pienamente i vostri sentimenti e sono solidale con ogni singola parola riportata all’interno dell’articolo. Pontifex è un portale che andrebbe chiuso e lo si dovrebbe fare quanto prima. Negli ultimi tempi, purtroppo, abbiamo vissuto numerosi casi di stragi ed eventi drammatici che, Bruno Volpe& CO. non hanno perso tempo ad interpretare quali segni della funesta ira divina oramai abbattutasi sugli uomini (benché il tutto sia sempre preceduto da un elogio alla divina Misericordia). “Fate la scelta giusta, evitate di ricoprirvi di altra vergogna, e richiudete voi stessi nella clausura e nel silenzio dedicate ai ciarlatani di cui parlate nel vostro articolo”. Spero possano seguire il consiglio tali folli ma, dato l’elevato tasso di follia che li guida, credo sarà difficile.

  2. filippo

    Non cadiamo nella trappola propagandistica di questi personaggi. Questi qua sono delle marionette senza cervello nelle mani della politica, in una delle sue molteplici forme. Sono stufo della vostra politica inutile. Sono stufo delle vostre parole vuote. Usate parole altisonanti pensando che le persone ignoranti abbocchino, ma io vi dico che voi non sapete niente e non siete niente, a livello intellettuale. Siete solo degli sciocchi che non sanno nulla di quello che stiamo passando, e ancora meno delle persone coinvolte nel sisma. Inoltre aggiungo una cosa fondamentale: non date importanza a queste parole inutili e offensive. Lasciamo che la loro eco si disperda nel silenzio, come l’urlo di un uomo sull’orlo della follia. Amen.

  3. GiuX

    Bruno Volpe, avvocato barese, residente nel quartiere murat oramai 50enne, che ha scritto in passato articoli infuocati contro una giovane biologa di 26 anni, condivide tante cose con B.V., avvocato barese, residente nel quartiere murat, oramai 50enne, arrestato in flagranza di reato per stalking verso una giovane biologa di 26 anni, B.V. è stato pescato dai carabinieri mentre imbrattava i muri del palazzo ove risiedeva la giovane, e disegnava croci sui citofoni cui aveva appeso del fegato animale.
    B.V. ha perseguitato questa ragazza per mesi, facendole perdere il posto di lavoro, e rendendole la vita impossibile. Questa ragazza lavorava presso una ditta di un parente di B.V. Altra coincidenza, la giovane biologa 26enne di cui Bruno Volpe ha sovente (s)parlato lavorava presso la ditta delle zio dello stesso.
    Bruno Volpe non ha mai smentito ne confermato un qualsiasi legame con questo B.V.

  4. Adriano

    Infatti… farei presente a quei coglioni di pontiflex, che le strutture principalmente rase al suolo sono chiese, campanili annessi a chiese, e statue di immacolate vergini madri di dio concepenti col seme divinamente irrorato dall’arcangelo santissimo eterno immacolato… ecc. ecc. ecc… che vivono e regnano negli eterni cieli divini e illuminati dalla magnanimità grandissima del nostro signore…. ecc. ecc. ecc… nei secoli dei secoli amen.

    Ora che Dio ha raso al suolo le chiese e le madonne dell’emilia… passerà ad un’altra regione, o direttamente al vaticano??? 🙂

  5. Erik

    ma ‘sta testa di coglione prima di tirare la pista di coca se l’è almeno beccate le chiese che sono cadute?

  6. Lorenzo

    Se fosse veramente una punizione divina contro le cooperative rosse che non donano ai poveri, sarebbero crollate solo le fabbriche e non anche le chiese…

    anzi no, aspetta… effettivamente c’è un messaggio dell’altissimo in tutto questo

    cioè che pure la chiesa non dona le sue ricchezze ai poveri e continua ad essere lontana da Dio…. per questo che sono crollate sia le chiese che i capannoni.

    oppure Dio non centra niente e questi due si sono solo fumati una quantità industriale di erba(medica) …

  7. Salvo

    Sono cattolico, frequento una comunità parrocchiale che servo con affetto e devozione perchè so che chi serve i fratelli serve Dio. MI DISSOCIO ampiamente da ciò che scrivono Bruno Volpe e Co. Ne ho parlato col mio parroco il quale sdegnato degli articoli di Pontifex, consiglia di non dare peso a quello che scrivono questi volponi camuffati da agnelli di fede e di cercare di isolare queste persone. Le loro opinioni non sono coerenti a quello che la nostra fede cristiana insegna, Dio è amore, Dio è tenerezza e non punizione e catastrofe. Gesù ci presenta questa fede e non altro.

  8. Diego Ferad Autore dell'articolo

    Gentile Salvo…

    Non sono cattolico, ma ho sempre piacere di parlare con coloro che non perseguono strade estremiste… grazie per la tua testimonianza. Sono certo che tu sia una rappresentazione molto più genuina della fede in Dio ed in Cristo di coloro che scrivono attraverso le testate di Pontifex.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *