Terence Corcoran: i liberali manipolano un rapporto sul clima per giustificare le dispense a Loblaws

In una grande coincidenza la settimana scorsa, il ministro dell’Ambiente Catherine McKenna ha fatto trapelare – alla CBC – l’ultimo rapporto ufficiale sui cambiamenti climatici del suo dipartimento lo stesso giorno in cui il nuovo regime di tassazione del carbonio del suo governo è entrato in vigore in quattro province.

Il programma di notizie di punta di proprietà del governo, The National, si è diffuso all’attenzione. La conduttrice Rosemary Barton ha dato il via allo spettacolo del lunedì sera alzando il volume di “Canada’s Changing Climate Report” dagli scienziati di Environment Canada:

“Stasera un avvertimento terribile per il clima del Canada. Il paese si sta riscaldando due volte più velocemente del resto del mondo. Secondo praticamente tutti gli scienziati del clima, il cambiamento climatico è già qui. Le temperature sono aumentate e ci si aspetta che continuino a salire con conseguenze drammatiche e sempre più disastrose. E oggi stiamo imparando che in Canada, questo è doppio. Un rapporto governativo di Environment and Climate Change Canada, in corso di anni, conferma che il Canada si sta riscaldando con il doppio del tasso del resto del mondo. Lungi dall’essere un rifugio sicuro, il Canada è stato direttamente nel mirino del clima. E a parte una drastica azione globale, ne sta arrivando di più “.

Come per gran parte delle scienze del clima, ci sono ragioni per dubitare delle previsioni peggiori

Insieme a CTV News e altri media, la CBC è caduta per il trucco della manipolazione dei media. Hanno inghiottito le “Headline Statements” di Environment Canada, facili da assimilare, che in una lettura rapida davano l’impressione che il Canada fosse diventato qualcosa di un inferno globale. Il riscaldamento in Canada è doppi livelli globali guidati dall’influenza umana che porta a diradare i ghiacciai, le mareggiate, l’innalzamento del livello del mare, più possibilità di inondazioni devastanti.

La CBC passa quindi al messaggio liberale ufficiale: porta la tassa sul carbonio, assolutamente necessaria! E – come abbiamo appreso questa settimana – portare avanti quella che promette di essere una costante tormenta di annunci sul clima, come la notizia di lunedì che il gigante della drogheria Loblaw riceverà un sussidio da 12 milioni di dollari per adeguare i suoi sistemi di refrigerazione e renderli più ecologici. Come un noto saggio ha notato su Twitter, i liberali daranno una misera media di $ 307 di sconto sulle emissioni di carbonio alle famiglie canadesi ma consegneranno $ 12 milioni a Loblaw, che guadagna miliardi di entrate ma ha una storia di assecondare il populismo verde. Apparentemente i pannelli solari sovvenzionati della catena di supermercati non stanno facendo abbastanza per rendere i frigoriferi del negozio sufficientemente verdi.

C’è altro in arrivo. Il denaro di Loblaw fa parte di un fondo di “investimento” a basse emissioni di carbonio da $ 450 milioni ora distribuito in tutto il paese. Se hanno una media di $ 12 milioni ciascuno, ciò implica altri tre dozzina di eventi mediatici messi in scena nei prossimi mesi che portano alle elezioni.

La giustificazione a una frase per la tassa sul carbonio e le imminenti sovvenzioni per le sovvenzioni societarie è il titolo principale: il Canada si è scaldato a un ritmo doppio rispetto al riscaldamento globale. L’affermazione è sostanzialmente priva di senso, come sottolinea oggi l’economista della Guelph University Ross McKitrick altrove in FP Comment. Poiché la maggior parte della superficie terrestre è l’oceano, la temperatura media su qualsiasi massa terrestre è destinata ad essere superiore alla media globale, poiché la terra si scalda più velocemente di quanto non faccia l’acqua.

Il riscaldamento sta avvenendo sembra fuori discussione, ma da quanto da che causa e a quale effetto non è chiaro. Potrebbe essere buono per il Canada. Nel quarto capitolo del nuovo rapporto Ambiente Canada, gli autori prevedono che le temperature invernali aumenteranno più delle temperature estive. “Ci saranno progressivamente più gradi giorni di laurea (una misura della stagione di crescita, che è importante per l’agricoltura) e meno giorni di grado di congelamento”, il che implica inverni meno rigidi. Suona bene.

Contrariamente alle richieste di assicuratori e altri, il Canada non ha registrato aumenti negli eventi meteorologici estremi. Ci sono stati più giorni caldi e meno giorni freddi estremi negli ultimi anni, ma mentre in futuro giorni di temperature estreme potrebbero aumentare gli eventi di incendi e inondazioni in futuro, ci sono poche prove di tali eventi finora. “Il record osservazionale non ha ancora dimostrato prove di cambiamenti consistenti nelle precipitazioni di breve durata estreme in tutto il paese”, riconosce il rapporto.

Il rapporto raggiunge conclusioni ambigue su due importanti eventi ambientali canadesi, l’alluvione del sud dell’Alberta del 2013 e l’incendio violento del Fort McMurray del 2016.

Sull’inondazione, il rapporto afferma che mentre i gas serra aumentavano la probabilità di precipitazioni estreme, prodotte dalle alluvioni, “la fiducia in questa attribuzione è bassa a causa delle difficoltà nel modellare le precipitazioni estreme, che mostrano una grande variabilità a piccole scale, come per questo evento.”

Il rapporto affermava “una certa fiducia” che i cambiamenti climatici aumentavano il rischio di incendi associati all’evento Fort McMurray. “La valutazione della confidenza media bilancia un’alta fiducia nell’influenza umana sull’aumento della temperatura, che influenza fortemente il rischio di incendio, con molti altri fattori che contribuiscono a questo evento che sono più difficili da rappresentare in un modello climatico”.

Il rapporto diventa sensazionale quando guarda al futuro, per lo più basato su una selezione di modelli climatici e proiezioni che vanno oltre la comprensione della maggior parte degli umani, inclusi alcuni scienziati. Un buon esempio sono le proiezioni dell’innalzamento del livello del mare fino all’anno 2100.

Tra i problemi c’è il fatto che in alcune parti del Canada la terra sta sorgendo, e in altre parti sta affondando. Intorno alla Baia di Hudson, il “livello relativo del mare” sta diminuendo perché il “tasso di sollevamento” nella terra sta aumentando a causa dei movimenti geologici. Nel Canada atlantico, dove le masse terrestri stanno cadendo, l’innalzamento del livello del mare appare maggiore. Il livello del mare a Halifax, dove la terra sta cadendo, è in aumento da oltre un secolo.

Come per gran parte della scienza del clima, vi sono motivi per dubitare delle previsioni peggiori, in particolare sull’innalzamento del livello del mare. Mentre i media sono saliti a bordo delle proiezioni sul livello del mare di Environment Canada, la scienza rimane altamente speculativa, alcuni dicono improbabile. In un documento dello scorso anno, Judith Curry, scienziato del clima degli Stati Uniti, ha avvertito “i valori estremi del possibile innalzamento del livello del mare sono considerati estremamente improbabili o così improbabili da non poter nemmeno assegnare una probabilità”.

E così va con i rapporti di scienze climatiche, dove gli estremi peggiori sono regolarmente trotti come la nuova normalità.

Fonte immagine: %% image_source_website %% (%% image_source_url %%)

Sofia Bianchi

Sofia Bianchi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *