Sono anche emersi bizzarri filmati sullo skateboard Assange all'interno.

Il presidente dell’Ecuador ha affermato che il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ha usato l’ambasciata di Londra che è stata la sua casa per sette anni come “centro di spionaggio”, quando sono emerse nuove riprese della vita controversa degli informatori all’interno dell’ambasciata.

Il presidente Lenin Moreno, in un’intervista a The Guardian, ha anche affermato che l’attività di Assange all’interno dell’ambasciata ha violato i termini delle sue condizioni di asilo.

Assange è stato arrestato giovedì scorso.

(Henry Nicholls / Reuters) Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è visto in un furgone della polizia dopo essere stato arrestato dalla polizia britannica fuori dall’ambasciata ecuadoriana a Londra, l’11 aprile 2019.

“Ogni tentativo di destabilizzare è un atto riprovevole per l’Ecuador, perché siamo una nazione sovrana e rispettosa della politica di ogni paese”, ha detto Moreno al giornale in una e-mail. “È spiacevole che, dal nostro territorio e con il permesso delle autorità del precedente governo, siano state fornite all’interno dell’ambasciata ecuadoriana di Londra strutture per interferire nei processi di altri stati”.

“Non possiamo permettere che la nostra casa, la casa che ha aperto le sue porte, diventi un centro di spionaggio”, ha aggiunto. “Questa attività viola le condizioni di asilo. La nostra decisione non è arbitraria, ma si basa sul diritto internazionale “.

Moreno ha anche ribadito l’affermazione del governo ecuadoriano secondo cui l’igiene e il comportamento di Assange costituivano una “campagna aggressiva contro l’Ecuador” dall’interno dell’ambasciata.

(Dolores Ochoa / AP) Il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno partecipa all’inaugurazione del programma governativo “Agua Para Todos” o “Acqua per tutti”, a Latacunga, in Ecuador, l’11 aprile 2019.

“Ha mantenuto un costante comportamento igienico improprio durante la sua permanenza, che ha colpito la sua salute e influendo sul clima interno della missione diplomatica”, ha detto Moreno.

Nel frattempo, il film spagnolo El Pais ha ottenuto bizzarri filmati sullo skateboard Assange all’interno dell’ambasciata ecuadoregna. Secondo il giornale, Assange si è comportato in modo “eccentrico” e le guardie di sicurezza che hanno avuto rapporti con Assange tra il 2012 e il 2017 hanno confermato le affermazioni fatte riguardo alla sua igiene.

(Frank Augstein / Frank Augstein / AP, FILE) Il fondatore di Wikileaks Julian Assange saluta i sostenitori da un balcone dell’ambasciata ecuadoriana a Londra, il 19 maggio 2017.

Un associato di lunga data del denunciante informò comunque che non aveva visto alcuna prova di mancanza di igiene durante la visita ad Assange, mettendo in dubbio la versione degli eventi del governo ecuadoriano.

In un’intervista per il podcast “The Investigation” di ABC News, il regista di documentari di guerra Sean Langan ha detto che la vita all’interno dell’ambasciata è stata “come una gabbia dorata” per Assange.

Langan ha trascorso oltre 50 ore con Assange all’interno dell’ambasciata l’anno scorso. Ha detto di non aver trovato un appartamento pieno di gattini o di feci sul muro – come asserito dai suoi ospiti ecuadoriani – ma invece Assange viveva in quartieri “claustrofobici”.

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *