Shares Vienna final: terza giornata vincente consecutiva

VIENNA (YF) – La Borsa di Vienna ha chiuso in rialzo giovedì. L’ATX rosa 27,11 punti o 0,86 per cento a 3,171,25 unità. Questo ha concluso la terza giornata di profitto consecutivo a Vienna. Nell’attuale settimana di trading, l’ATX ha dovuto registrare un netto calo finora solo il lunedì. Il giorno del rapporto, anche la maggior parte delle borse europee e di Wall Street ha mostrato un leggero aumento.

A Vienna, i valori immobiliari di Immofinanz e UBM per numero di posizioni in alto. La quota di Immofinanz ha registrato un aumento significativo del prezzo del 4,4 percento a 22,82 euro. La società immobiliare ha digerito bene la perdita del 2017 e nel 2018 ha registrato un utile di 217,5 milioni di euro.

I titoli UBM sono aumentati del 2,4% a 38,70 euro di altezza. Nel 2018, lo sviluppatore immobiliare ha aumentato la produzione totale di un quinto a 897,7 milioni di euro, principalmente attraverso i proventi della vendita di immobili. Gli analisti di Baader Bank hanno scritto in una prima valutazione dei risultati che i numeri dei record preliminari erano stati confermati.

Importanti aumenti di prezzo sono stati registrati anche dalle banche fortemente ponderate. Primo gruppo aumentato del 2,4 percento a 35,01 euro. Gli azionisti di Raiffeisen Bank International (RBI) potrebbe godere di un aumento dell’1,5 percento. La RBI è interessata a una possibile privatizzazione della Banca ungherese di Budapest. “La strategia e il portafoglio della Banca di Budapest potrebbero essere una buona alternativa alla strategia di crescita organica”, ha detto una portavoce del RBI.

Il prezzo delle azioni Verbund ha mostrato pochi cambiamenti, più lo 0,04% a 45,18 euro. Qui, gli analisti di Deutsche Bank hanno riportato e rivisto il loro obiettivo di prezzo per il titolo di fornitore di energia elettrica da 37 euro a 41 euro in su. Il voto di investimento “hold” è stato confermato allo stesso tempo.

Telekom Austria chiuso con un piccolo premio dello 0,15 per cento a 6,65 euro. La compagnia di telecomunicazioni, in cui è coinvolto lo Stato, vuole liberarsi di oltre 1.600 funzionari nei prossimi anni, scrive “Die Presse” ./ ste / APA / fba

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *