SHANGHAI / ROUNDUP: il mercato automobilistico cinese: dall'orologio al bambino problematico?

SHANGHAI (YF) – La più grande casa automobilistica del mondo Volkswagen (quota VW) fa affidamento sulle misure di sostegno statale nel suo più importante mercato unico, la Cina, dopo il crollo delle vendite. “Nel mercato, la riduzione dell’IVA contribuirà ad aumentare le vendite”, ha dichiarato il CEO del Gruppo Herbert Diess lunedì prima dell’inizio del salone dell’auto a Shanghai, in Cina. VW Aveva l’ultimo morso con i suoi partner nel paese che i cinesi hanno perso soprattutto per le auto piccole e medie da mesi la voglia di comprare.

Per anni, il mercato cinese conosceva solo una direzione: verso l’alto. Ciò ha dato alle case automobilistiche tedesche un tempo record da record, la Cina è oggi il mercato unico più importante. Il raffreddamento arriva per VW, Daimler (quota Daimler) e BMW (quota BMW) in un momento inopportuno – perché le multinazionali devono prendere un sacco di soldi per la propulsione elettrica al fine di rispettare le più severe normative sulle emissioni di anidride carbonica nell’Unione europea nei prossimi anni.

Per la prima volta in più di venti anni, il mercato automobilistico cinese si è ridotto nell’ultimo anno, in gran parte perché la disputa tariffaria con gli Stati Uniti ha destabilizzato gli acquirenti di auto. Pechino ha ora preso contromisure con una riduzione di tre punti percentuali dell’IVA.

I produttori automobilistici vedono i primi delicati segnali di miglioramento. “Vediamo un risveglio ad aprile, ma non c’è ancora stato d’animo d’oro”, ha detto il direttore delle vendite del marchio VW Jürgen Stackmann. Dopotutto, la VW può immaginare come leader di mercato in Cina, che nell’anno in corso sul mercato generale salta di un lieve aumento a 23 milioni di automobili – dopo 22,7 milioni l’anno scorso.

A medio termine, la Cina continuerà a stabilire il ritmo per l’industria. Il capo VW-Cina Stephan Wöllenstein vede nei prossimi anni 600 milioni a 800 milioni di cinesi in aree di reddito in cui potrebbero permettersi una nuova auto.

Anche tecnologicamente, la Cina stabilisce degli standard. Anno dopo anno, questo mostra l’auto show più importante del paese, Auto China, che si svolge alternativamente a Pechino e Shanghai. Qui ci sono marchi cinesi seri come Nio o Byton, quale potrebbe essere il futuro in altri mercati.

“La Cina ha un piano reale e chiaro come nessun altro paese”, afferma Wöllenstein. Nel 2025, questo potrebbe significare che cinque milioni a sei milioni di automobili potrebbero essere vendute ogni anno con unità alternative, quattro quinti di esse puramente alimentate a batteria. Questo è circa il doppio dell’intero mercato automobilistico tedesco.

In realtà dovrebbe andare alla fiera di Shanghai, in particolare per i veicoli elettrici, ma le case automobilistiche tedesche devono affrontare di nuovo lo scandalo dei gas di scarico. Poco prima dell’inizio della fiera è stato annunciato che sono state presentate accuse contro il capo dell’ex-VW Martin Winterkorn e quattro altri dirigenti del produttore di automobili per gravi frodi. Daimler, a sua volta, si trova di fronte a un nuovo sospetto di manipolazione delle emissioni di scarico nelle auto diesel. / Uomini / jpt / DP / jha

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *