Orgasmo femminile, una ricerca ne svela l’origine

Molto spesso gli uomini lo definiscono come “questo sconosciuto”: parliamo dell’, ovverosia il culmine dell’. Una ricerca ha svelato che l’origine dell’orgasmo femminile deriverebbe dal passato evolutivo della specie umana.

, pediatra dell’ospedale di Cincinnati, e , biologo nutrizionista del’Università di Yale, hanno raggiunto questo risultato confrontando le femmine dell’uomo con le femmine di altri mammiferi come ratti e scimmie. L’orgasmo femminile aveva la funzione ancestrale di indurre l’ovulazione, ovverosia produrre ovuli per la riproduzione. Poi, soprattutto per l’uomo, l’orgasmo femminile è finito in secondo piano, divenendo materia astratta e inspiegabile e relegandolo a mero “culmine” del rapporto sessuale.

Orgasmo femminilePavlicev e Wagner, che hanno pubblicato il loro studio sulla rivista , hanno potuto comprendere qualcosa in più rispetto al ruolo biologico del piacere femminile partendo dall’analisi della struttura morfologica delle femmine di diversi mammiferi.

In mammiferi come gatti e conigli, il picco ormonale si verifica durante il sesso e assume un ruolo cruciale nel segnalare alle ovaie la produzione di ovuli. In altri mammiferi, compresi gli esseri umani e altri primati, le femmine ovulano spontaneamente.

Nonostante la diversità nella biologia riproduttiva dei mammiferi, gli autori della ricerca hanno scoperto che l’ovulazione “maschio-indotta”, precede l’, che si sarebbe affermata soltanto alcuni milioni di anni fa. Sostanzialmente l’orgasmo femminile umano potrebbe avere le sue radici in un meccanismo che produce ovuli durante il sesso, meccanismo che è poi diventato ridondante con l’evoluzione dell’ e quindi con l’orgasmo femminile.

I due autori, per confermare la loro tesi, fanno riemergere i dati di un altro studio in cui è stata messa a confronto la posizione del clitoride in diversi mammiferi. Quelli che hanno picchi di ormoni durante il sesso e ovulano, hanno il clitoride più interno alla vagina, quindi maggiormente stimolabile durante l’atto sessuale. I mammiferi che hanno invece un’ovulazione più spontanea, tendono ad avere il clitoride più esterno rispetto alla “cosiddetta” posizione ancestrale.

Redazione YouFOCUS.TV




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *