Oggi Alberta si reca alle urne. Il destino delle tasse sul carbonio per l'intero paese è in linea

Gli elettori della provincia canadese dell’Alberta, che ospita le riserve petrolifere più grandi del mondo, si recano martedì alle elezioni elettorali in una divisione elettorale che potrebbe avere implicazioni di ampia portata per la politica ambientale del paese e per i mercati energetici globali.

I sondaggi hanno costantemente dimostrato che il leader del partito conservatore unito, Jason Kenney, è sulla buona strada per liberare il nuovo partito del nuovo partito democratico di centro-sinistra, Rachel Notley. Recenti indagini dimostrano che il suo vantaggio si sta restringendo, con l’UCP al 47% di supporto, al 38% per il NDP, secondo il sondaggio del Canadian Broadcasting Corp. La CBC proietta 63 seggi per i conservatori, a 23 per l’NDP. I sondaggi chiudono alle 20:00, ora di Calgary.

La posta in gioco è la leadership nella provincia che produce circa l’80% del petrolio canadese e stabilisce la direzione per l’industria energetica, che rappresenta il 10% dell’economia della nazione. La produzione attuale dell’Alberta lo mette alla pari con gli Emirati Arabi Uniti membri dell’OPEC, e le sue riserve grezze seguono solo l’Arabia Saudita e il Venezuela.

Una vittoria di Kenney priverebbe il primo ministro Justin Trudeau di un alleato occasionale a Notley, che aveva aiutato le sue ambizioni ambientali con l’applicazione di una tassa provinciale per il carbonio e le emissioni di petroliere e capping. Il leader conservatore promette di rottamare la tassa sul carbonio dell’Alberta e si unirebbe a una battaglia legale con diverse altre province per bloccare una tassa federale che viene imposta a qualsiasi regione che non ha un proprio piano di carbonio.

Supporto per pipeline

Per quanto riguarda la questione chiave che riguarda l’industria energetica dell’Alberta – la mancanza di gasdotti che ha pesato sui prezzi del greggio locale – resta da vedere quanto può fare un candidato. Kenney ha in programma di creare una “stanza di guerra” da 30 milioni di dollari (US $ 22 milioni) per rispondere ai sostenitori delle campagne anti-energia e indagare sulle loro fonti di finanziamento. Notley ha favorito la sensibilizzazione, viaggiando nel paese per aumentare il sostegno all’industria e ai gasdotti.

Ma molti dei problemi della pipeline hanno origine al di fuori dei confini dell’Alberta. I ritardi della Keystone XL di TransCanada Corp. sono stati negli Stati Uniti, di recente per mano di un giudice federale del Montana. La linea 3 di Enbridge Inc. è stata rinviata di anno in anno a causa dei problemi di permissività in Minnesota. E l’espansione Trans Mountain, acquistata dal governo Trudeau da Kinder Morgan Inc. lo scorso anno, è stata bloccata da un giudice federale in mezzo all’opposizione nella British Columbia.

“La questione più importante è nelle loro mani, che è l’accesso al mercato”, ha detto Laura Lau, che aiuta a gestire $ 1,6 miliardi a Brompton Corp. a Toronto. “Questo è il problema numero uno di gran lunga.”

Spedizioni ferroviarie

Anche Kenney e Notley si differenziano per l’idea del governo che contribuisce ad aumentare la capacità della provincia di spedire il greggio per ferrovia. Notley ha firmato contratti per investire $ 3,7 miliardi in vagoni ferroviari di leasing e vendere servizi di spedizione a produttori che non riescono a ottenere il gasdotto per il loro petrolio. Kenney ha intenzione di uccidere quel programma, dicendo che il mercato privato può risolvere meglio questo problema.

Il piano grezze per ferrovia del governo è scomposto nei prezzi correnti, e il greggio locale – che ora negozia vicino a un massimo di un anno – potrebbe scendere se il programma venisse cancellato, ha detto l’analista Deloitte Andrew Botterill. Le società private potrebbero non disporre di capitale sufficiente per realizzare tali investimenti, ha affermato.

Oltre all’industria energetica, Kenney, 50 anni, ha condotto una campagna per tagliare le tasse aziendali e bilanciare il budget della provincia entro il suo primo mandato. Notley, 54 anni, ha detto che questi piani favoriscono solo i ricchi e danneggerebbero i sistemi sanitari e di istruzione della provincia.

Gli investitori sembrano a proprio agio con la prospettiva di una vittoria di Kenney. Il rendimento relativo sul titolo quinquennale di Alberta in scadenza nel 2024 si è ridotto a 28 punti base sul debito pubblico federale, da un massimo di 50 punti base a gennaio.

Il leader del Partito conservatore unito Jason Kenney parla durante una manifestazione della campagna a Edmonton, Alta, venerdì, 12 aprile 2019. Codie McLachlan / The Canadian Press

La campagna ha attinto anche a questioni sociali. Notley, che ha concluso una corsa di 44 anni del partito conservatore con la sua vittoria nel 2015, ha criticato le forti posizioni anti-abortiste di Kenney e il suo sostegno per consentire alle scuole di informare i genitori se il loro figlio si unisce a un’alleanza gay-straight. La campagna di Kenney è stata anche assalita da occasionali commenti offensivi o controversi da parte di altri membri del suo partito.

Anche Kenney è stato messo sotto accusa per accuse di aver aiutato un collega candidato alla leadership del suo partito ad attaccare il suo principale rivale per il posto, uno scandalo che è diventato noto localmente come la “campagna kamikaze”. Il partito di Kenney si è formato due anni fa in una fusione del Partiti conservatori progressivi e Wildrose.

Resta da vedere se questi problemi sociali supereranno i problemi economici in Alberta. Il malessere dell’industria petrolifera e i tagli agli investimenti hanno spinto il tasso di disoccupazione di Alberta al 6,9%, tra i più alti in Canada.

“La mia esperienza in tutti i miei anni in politica è che la gente vota per primi sulle questioni del portafoglio”, ha detto Rona Ambrose, ex legislatrice federale che ha ricoperto il ruolo di leader conservatore provvisorio. Ambrose supporta Kenney ma non fa parte della sua campagna. “Ci sono molte altre questioni alle quali la gente importa, ma quando è così terribile, e l’economia è la questione numero uno, la gente vota i suoi tascabili”.

Bloomberg.com

Fonte immagine: https://www.pexels.com/ (https://www.pexels.com/photo/photo-of-tattooed-woman-holding-gray-cup-2043515/)

Sofia Bianchi

Sofia Bianchi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *