Notre Dame in fiamme – Macron promette la ricostruzion

PARIGI (YF) – Dopo il pesante incendio nella cattedrale parigina di Notre-Dame, la Francia vuole riparare nuovamente il famoso punto di riferimento. “Ricostruiremo Notre-Dame”, ha detto il capo dello stato Emmanuel Macron nella tarda serata di lunedì. “Perché è quello che si aspettano i francesi”. L’incendio poco prima di Pasqua ha devastato l’edificio sacro nel cuore della capitale francese, la capriata del tetto era in fiamme. Martedì mattina presto, i vigili del fuoco hanno dichiarato l’incendio “sotto controllo e parzialmente estinto”, come riportato dai media francesi. Ci sono solo nidi luminosi, ha detto il portavoce dei vigili del fuoco Gabriel Plus. Il pubblico ministero di Parigi indaga, finora, mentre segue le tracce di un incidente. L’incendio ha causato orrore in tutto il mondo.

Era scoppiato lunedì sera, con le fiamme che colpivano il cielo per ore. Il piccolo pinnacolo nel mezzo del tetto crollò. L’esatta entità della distruzione era sconosciuta di notte. Ma Macron disse che il peggio era stato impedito perché la facciata e le due torri principali non erano crollate.

“Si può supporre che la struttura di Notre-Dame sia salvata e conservata nella sua interezza”, ha detto il capo dei vigili del fuoco Jean-Claude Gallet. A volte i vigili del fuoco non erano sicuri di poter fermare la propagazione dell’incendio.

L’ufficio del pubblico ministero ha aperto un’inchiesta sulla distruzione involontaria del fuoco – cioè, non si parla di incendio doloso. Secondo ulteriori resoconti dei media, l’incendio potrebbe essere collegato a lavori di costruzione sul tetto della chiesa. Inizialmente l’accusa non ha commentato tali rapporti. Gli investigatori hanno iniziato di notte per intervistare i lavoratori del cantiere, ha riferito l’agenzia di stampa francese AFP. I costruttori avevano impalcato il tetto.

Secondo il Ministero degli Interni, i vigili del fuoco erano presenti con centinaia di servizi di emergenza. Secondo i resoconti dei media, un vigile del fuoco è stato gravemente ferito nella lotta contro l’incendio.

Una delle reliquie più importanti della Chiesa cattolica è stata salvata dalla cattedrale in fiamme. È la corona di spine indossata da Gesù Cristo nella sua crocifissione, ha detto Patrick Chauvet, il direttore del tempio. Le fiamme non avrebbero raggiunto il tesoro.

Il sindaco di Parigi Anne Hidalgo ha parlato di un “terribile fuoco”. Il primo ministro francese Édouard Philippe ha scritto: “La nostra tristezza è indescrivibile, ma stiamo ancora combattendo, questa sera i vigili del fuoco stanno combattendo eroicamente contro il fuoco”. Macron disse: “Notre-Dame di Parigi, questa è la nostra storia”.

Notre-Dame è una delle principali attrazioni turistiche di Parigi ed è visitata da milioni ogni anno. La cattedrale si trova nel cuore della città, sull’Isola della Senna, nell’Île de la Cité.

Il Vaticano ha risposto sconcertato. “La Santa Sede ha ricevuto con stupore e tristezza la notizia del terribile incendio che ha devastato la cattedrale di Notre-Dame, un simbolo della cristianità in Francia e nel mondo”, ha detto il presidente del Papa Alessandro Gisotti.

Il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert ha twittato a nome della cancelliera Angela Merkel (CDU): “Fa male vedere queste orribili immagini della bruciante Notre-Dame”. Ha aggiunto: “Notre-Dame è un simbolo della Francia e della nostra cultura europea, siamo con gli amici francesi”.

“Notre Dame di Parigi è Notre Dame di tutta Europa”, ha scritto il presidente del Consiglio dell’UE Donald Tusk su Twitter. “Oggi siamo tutti dalla parte di Parigi.” Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha scritto: “Notre-Dame appartiene a tutta l’umanità, che triste vista”. Persino il presidente degli Stati Uniti Donald Trump era sconvolto. La cattedrale è uno dei più grandi tesori del mondo, più magnifica di quasi tutti i musei del mondo. “È così terribile vedere il devastante incendio della cattedrale di Notre Dame a Parigi.”

Il leader dell’Unesco Unreyco Audrey Azoulay ha detto ai giornalisti: “Notre Dame è un simbolo di tutto il mondo”. L’UNESCO è già in contatto con il Ministero della Cultura e della Chiesa. “Abbiamo bisogno di una valutazione molto rapida del danno.” Sarebbe necessario prendere rapidamente “decisioni strategicamente importanti”.

Macron cancellò un’importante chiamata televisiva programmata per la serata sul fuoco e andò alla cattedrale con sua moglie Brigitte. Il presidente aveva in realtà voluto parlare dei risultati di un dibattito civile durato mesi. Il presidente aveva lanciato il “dibattito nazionale” a gennaio in risposta alle proteste dei “giubbotti gialli”, ora voleva fare concessioni. Inizialmente una nuova data per l’Élyséepalast non ha detto.

La storia della cattedrale risale alla metà del 12 ° secolo. Le dimensioni della chiesa in stile gotico, consacrata alla Vergine Maria, con le sue due maestose torri, sono enormi: la cattedrale è lunga 127 metri, larga 40 metri e alta fino a 33 metri. Con il suo romanzo del 1831 “Il gobbo di Notre Dame” immortalò Victor Hugo, la cattedrale della letteratura.

Macron ha annunciato una raccolta fondi nazionale per finanziare la ricostruzione. La Fondazione per il patrimonio francese Fondation du Patrimoine ha già pubblicato una campagna di raccolta fondi sul suo sito web: “Perché Notre-Dame rinasca dalle ceneri, stiamo lanciando un appello internazionale”, ha scritto la fondazione. E la famiglia miliardaria Pinault ha promesso 100 milioni di euro per la ricostruzione. Lo ha annunciato l’imprenditore François-Henri Pinault, capo del gruppo di lusso Kering (quota Kering), in una dichiarazione citato da AFP./sku/DP/mis

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *