New York Times: l'inchiesta sulla sorella di Trump termina con il suo pensionamento

Washington (CNN) , la sorella maggiore del presidente Donald Trump, giudice d’appello federale Maryanne Trump Barry, si è ritirata, fermando un’inchiesta sul fatto che abbia infranto le regole di condotta giudiziaria commettendo frodi fiscali, secondo il New York Times, citando copie della decisione fornita da due denuncianti.

L’inchiesta è stata suggerita da un bombardamento del New York Times lo scorso autunno che indicava che la famiglia Trump aveva partecipato a regimi fiscali per massimizzare Trump, Barry e le eredità dei loro fratelli. Barry, che il Times ha scoperto di essere un partecipante attivo e beneficiario degli schemi, ha depositato i suoi documenti di pensione 10 giorni dopo che i funzionari del tribunale hanno informato i denuncianti che la questione era “ricevere la piena attenzione” di un consiglio di condotta giudiziaria, secondo il documento.
Giudice inattivo da oltre due anni, Barry non deve più far fronte alla accusa di cattiva condotta giudiziaria in quanto lo statuto si applica solo ai giudici attivi, secondo il Times. La decisione non è stata ancora annunciata pubblicamente, ma i denuncianti – almeno due dei quali legati alla professione legale – hanno appreso la scorsa settimana che il caso era stato abbandonato senza conclusioni sulle accuse, secondo il documento.
Mentre in precedenza aveva rischiato rimproveri, punizioni o persino impeachment dall’indagine della revisione del consiglio giudiziario, ora ha diritto a uno stipendio per la pensione che potrebbe variare da $ 184,500 a $ 217,600, secondo quanto riportato dal Times.
Barry non ha risposto alle richieste di commenti del Times.
Il presidente Ronald Reagan selezionò Barry, un ex procuratore, per servire nel Tribunale distrettuale federale nel New Jersey nel 1983. Il presidente Bill Clinton la nominò Corte d’appello degli Stati Uniti per il terzo circuito nel 1999.

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *