Ruby Rubacuori

Mora, Fede e Minetti: chiuse le indagini. Ruby reclutata a 16 anni

cominciò a far parte del giro di prostituzione gestito da ed quando aveva appena 16 anni, nel settembre del 2009. Da quel momento inizia la storia di Karima El Marough e gli eventi che la portarono ai festini di Arcore, a partire da febbraio 2010 e poi alla sua rocambolesca “liberazione” dalla Questura di Milano ad opera di .

La ha dichiarato concluse le indagini e ha definito il quadro di accuse: Fede, Mora e la Minetti sono tutti e tre accusati di induzione e favoreggiamento della prostituzione con l’aggravante della minore età per Ruby.

Il numero delle ragazze coinvolte nell’ è 33: si alternarono nei festini del “bunga-bunga” di Arcore a partire da inizio 2009 in cambio di soldi e popolarità. I magistrati descrivono lo svolgimento delle serate: cena, bunga-bunga e infine selezione da parte del premier di una o più ragazze che lo avrebbero dovuto intrattenere intimamente nella notte, ovviamente con somme di denaro in surplus rispetto alle altre partecipanti.

La Procura ha aggiunto nuovi elementi usciti dall’analisi dei conti gestiti dal ragioniere Giuseppe Spinelli, nonchè da cellulari e computer sequestrati il 14 gennaio scorso e da tabulati telefonici che retrodatano ad un anno prima le ipotesi dell’impianto accusatorio.

La posizione più compromessa sarebbe quella di Lele Mora e di Emilio Fede, che si operavano per individuare giovani donne disposte a prostituirsi presso la residenza di Arcore di Berlusconi, le selezionavano e accompagnavano da Milano ad Arcore.

La Minetti invece è stata accusata di avere intermediato per l’erogazione dei corrispettivi per l’attività di prostituzione svolta, divisi fra il comodato d’uso degli appartamenti dell’ e dai soldi versati da Spinelli previo assenso di Berlusconi. Dalle ultime indiscrezioni, pare che la Minetti voglia farsi nuovamente interrogare, forse per chiarire gli omissis dei precedenti interrogatori.

Redazione YouFOCUS.TV




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *