Minatori Bitcoin senza fronzoli della fredda spalla di Frugal Iceland

Qui.
Ottieni analisi esclusive e idee di investimento per attività future su Hacked.com. Unisciti alla community oggi e ricevi fino a $ 400 di sconto usando il codice: “CCN + Hacked”. Iscriviti qui.

CCN: L’Islanda è stata per anni un focolaio per l’estrazione di bitcoin, alimentata dalla sua economica energia geotermica. Tuttavia, la nazione nordica dell’isola sta pompando i freni su più cripto minerario in quanto cerca di contrastare l’accelerazione della domanda di energia.

L’anno scorso, le autorità islandesi hanno preso di mira i minatori di criptazione per tasse più alte in mezzo all’enorme consumo di elettricità del settore. Ora, sembra che un crescente movimento organico all’interno del paese veda l’espansione mineraria come un potenziale rischio ambientale.

Secondo un rapporto speciale di Al-Jazeera, i minatori di Bitcoin sono sempre più visti come una minaccia esistenziale alla campagna senza rivali e in gran parte incontaminata dell’Islanda. Una coalizione di ambientalisti, ricercatori e attivisti si oppone alla crescita di quello che fino a poco tempo fa era stato pubblicizzato come un’industria di creazione di posti di lavoro del futuro. L’Islanda è in un enigma, tuttavia, poiché i minatori bitcoin mostrano un piccolo segno di rallentamento.

La tempesta geotermica perfetta dell’Islanda

L’esclusiva posizione nord-atlantica dell’Islanda ospita un nesso di attività geotermica, che rende la produzione di energia geotermica estremamente facile ed economica rispetto ai prezzi globali dell’elettricità. Di conseguenza, i minatori di cripto hanno identificato la regione scandinava europea – l’Islanda in particolare – come una miniera d’oro per la miniera di bitcoin. Oltre al potere economico, anche le temperature naturalmente basse sono allettanti. Ciò rende i sistemi di raffreddamento minerari molto più semplici ed economici, migliorando ulteriormente i profitti in un business a margine stretto.

Per anni, la narrativa accettata all’interno della criptosfera è stata che l’uso di energia rinnovabile nell’estrazione di bitcoin annulla il famigerato punto di vista che l’estrazione di bitcoin è dannosa per l’ambiente a causa delle dimensioni dell’impronta di carbonio. Tuttavia, gli ambientalisti islandesi osservano che l’aumento della domanda di elettricità per le attività minerarie sta portando ad un ampliamento delle infrastrutture di generazione di energia geotermica e idroelettrica.

Come sottolineano, il processo di creazione di energia “pulita” non è così verde, dopo tutto. Per prima cosa, la costruzione di nuove dighe idroelettriche altera irreversibilmente paesaggi e topografie affondando la campagna vergine e modificando la natura dei fiumi e delle cascate. Le centrali geotermiche devono essere costruite su aree naturali termali per accedere al calore che fuoriesce dal nucleo terrestre. Questo altera anche in modo permanente il paesaggio incontaminato dell’Islanda.

L’ambientalista Tomas Gudbartsson è citato in Al Jazeera dicendo:

“L’Islanda ha ancora una delle più grandi aree selvagge in Europa. Distruggeremo semplicemente queste aree se continuiamo “.

Fattori di rischio minerario di Bitcoin in Islanda

Il problema per gli ambientalisti islandesi è che l’espansione delle criptovalute è destinata a crescere ancora più velocemente di prima. Innanzitutto, i bassi prezzi sostenuti nel mercato criptato continuano a fare dell’attività mineraria un’attività a margine molto basso. I minatori devono cercare ogni vantaggio sui loro coetanei per rendersi più competitivi e redditizi. La potenza economica dell’Islanda e le temperature estremamente fredde offrono la combinazione perfetta per i minatori che cercano di spremere le massime prestazioni dai loro impianti per un investimento minimo.

Inoltre, a seguito di un rimbalzo dei prezzi relativamente recente, relativamente debole ma sostenuto, la cripto mineraria sta effettivamente aumentando di popolarità. Ciò è ulteriormente complicato dalla recente decisione del governo cinese di reprimere i minatori crittografati domiciliati in aree ricche di energia come la regione del Sichuan Valley. Molti di questi minatori finiranno per trasferirsi in Islanda e nei paesi limitrofi.

Quel che sembra ancor più probabile rimanere nel caos dell’Islanda è che, nonostante la natura assetata di energia del mining bitcoin, rimane un’attività relativamente automatica che produce pochi, se non nessuno, lavoro. Essenzialmente, l’Islanda potrebbe accogliere i minatori cinesi sfrattati nel paese solo per vederli sollevare il fabbisogno energetico e indirettamente condurre alla distruzione ambientale mentre fa poco o niente per l’economia locale.

Circa l’autore

David Hundeyin

Sono uno scrittore impegnato, giornalista e imprenditore con un interesse per la tecnologia e la finanza. Quando non sto contribuendo a CCN e viaggiando in Africa, puoi trovarmi nella stanza degli scrittori di “The Other News”, la risposta settimanale della Nigeria a “The Daily Show” con quasi 2 milioni di spettatori. Il mio lavoro su “The Other News” “è apparso sul New Yorker Magazine, che è stato poi citato nel Washington Post, quindi non sono sicuro che sia una caratteristica, ma ne parlerò sicuramente anche io! Sono stato nominato dal Dipartimento di Stato americano per prendere parte nel 2019 Edward R. Murrow Programma per giornalisti nell’ambito del programma International Visitors Leadership. Mi piacciono anche i criceti.

LEGGI DI PIÙ…

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *