Lynne Patton, un funzionario dell'alloggiamento di Trump, si iscrive per reality TV

(CNN) Lynne Patton, una collaboratrice di lunga data di Trump che ha fatto un’apparizione controversa all’audizione della scorsa settimana con Michael Cohen, dice di avere la benedizione del Presidente per seguire le sue orme come una star della TV, anche se serve come classifica ufficiale delle abitazioni federali.

L’apparizione di Patton in uno spettacolo ancora in via di sviluppo sui repubblicani neri verrebbe durante il suo mandato come direttore regionale del Dipartimento per gli alloggi e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti per New York e New Jersey, che fornisce assistenza per oltre 800.000 famiglie vulnerabili e servizi per senzatetto a più di 80.000 persone.
Alla domanda se ha l’approvazione di Trump, Patton ha risposto: “Sì”.
“Non avrei mai nemmeno chiesto l’HUD se non avessi chiesto prima la famiglia Trump”, ha detto Patton, che ha pianificato il matrimonio di Eric Trump, in un’intervista con la CNN.
Patton ha firmato un accordo per lavorare con la compagnia di produzione dello show, ha detto Leslie Oren, portavoce di Truly Original, i creatori di New York di “The Real Housewives of Atlanta” e altre reality TV e serie di documentari.
“Siamo in uno sviluppo molto iniziale su questo aspetto e parte di questo processo è capire in modo creativo quale sarà lo spettacolo”, ha detto Oren. “Non è ancora stato lanciato alle reti, ma ci aspettiamo che succeda presto.”
Patton ha detto alla CNN che gli avvocati dell’HUD “non hanno avuto problemi con me a filmare dopo l’orario di lavoro”.
“Guarda, loro sanno che tendo a mettermi il piede in bocca: erano un po ‘preoccupati che forse con un po’ di alcol potrei essere un po ‘troppo libero di ruota su uno spettacolo come questo”, ha detto Patton della famiglia Trump.
“Penso che sia quello che tutti sperano in una docuseries o reality show, ma sono stati di grande aiuto”, ha detto Patton, che ha parlato apertamente delle sue precedenti lotte con la tossicodipendenza.
Trump ha ospitato “The Apprentice” della NBC per 14 stagioni, e l’ultimo ha ospitato “Celebrity Apprentice” nel febbraio 2015 prima della sua corsa presidenziale.
La Casa Bianca ha fatto delle domande sull’aspetto di Patton nello show all’HUD.
Il portavoce dell’HUD Raffi Williams ha dichiarato: “Rispetto alla partecipazione della signora Patton a un reality show, l’ufficio di etica le ha fornito consulenza sull’occupazione esterna mentre lavorava presso il Dipartimento. L’ufficio etico non supporta né si oppone alle cose – si limita a consigliare ciò che è ammissibile entro i limiti della legge “.
Patton è stato vice presidente della Eric Trump Foundation e ha lavorato come organizzatore di eventi per la famiglia Trump. Nell’amministrazione Trump, è stata segretaria dell’HUD Segretario Ben Carson e consigliere di amministrazione pubblica prima di essere nominata amministratore regionale nel giugno 2017.

Aspetto controverso all’udito

Patton è stato catapultato nel palcoscenico politico nazionale durante una apparizione a sorpresa all’udienza della House Oversight Committee della scorsa settimana con Cohen la scorsa settimana. La sua dimostrazione di sostegno a Trump ha provocato uno scambio teso in udienza, con un membro democratico che le ha suggerito di essere stata usata come sostegno.
“Non ero lì per rappresentare la mia razza da donna di colore”, ha detto Patton alla CNN. “Ero lì per rappresentare qualcuno che conosce Michael Cohen, lo conosce probabilmente meglio di quanto conosca la famiglia Trump.”
Ha detto che è apparsa su invito del Repubblicano Rep. Mark Meadows dopo aver partecipato a due giorni di riunioni dell’HUD a Washington. Patton non ha partecipato a un terzo giorno di incontri, non è stato pagato dall’HUD per quel giorno e ha coperto le spese di viaggio a New York, ha detto.
“Ho optato per andare a sostenere il mio Presidente”, ha detto.
Il suo capo, Carson, uno dei più eminenti afro-americani dell’amministrazione, ha espresso riserve sul fatto che sia stata all’udienza di Cohen, affermando che “non pensava che la mia presenza avrebbe necessariamente aiutato”, ha detto.
Fu presentata alla prima famiglia da Cohen e divenne ingrata nel mondo di Trump. È stata tra i relatori alla Convention nazionale repubblicana nel 2016 ed è stata una surrogata della campagna. Dopo l’elezione, Patton ha iniziato a lavorare all’HUD, dove il suo mandato è stato caratterizzato da espliciti e controversi tweets personali. Patton ha chiamato il corrispondente della Casa Bianca April Ryan “Miss Piggy” su Twitter, per il quale in seguito si è scusata.
CORRELATO: Lynn Patton, funzionario dell’HUD senior, tenta di chiarire i post sociali controversi
Questa settimana, dopo che le telecamere TV si sono affrettate a tenere il passo con Patton durante un tour di appartamenti fatiscenti nel più grande progetto di edilizia pubblica della nazione nel Queens, Patton è sembrato sorpreso dal fatto che il reality fosse diventato un “grosso problema”.
Ha detto di aver rifiutato l’offerta quando è stata contattata dalla società di produzione poco dopo le elezioni del 2016. In agosto, fu nuovamente avvicinata e decise di riconsiderare.
“Mi hanno convinto che non si trattava di un capriccio, di un tavolo che sfogliava il reality show”, ha detto.
Patton ha detto che i funzionari dell’etica dell’HUD le hanno detto “non hanno avuto problemi con me a filmare dopo l’orario di lavoro”. Ha detto che vuole completare il suo lavoro per migliorare le condizioni negli alloggi pubblici prima di fare lo spettacolo e ha bisogno di manovrare attorno alle regole federali limitando un reddito secondario di $ 28.000 all’anno.
“Stanno cercando di pagarmi più di quello per episodio”, ha detto.
All’udienza, Patton è stato presentato da Meadows e si è alzato quando ha iniziato a interrogare Cohen, in particolare quando ha confutato l’affermazione dell’ex avvocato Trump che il presidente è un “razzista”.
Vicino alla fine dell’udienza, il Reparto del Michigan, Rashida Tlaib, ha suggerito che Patton, una donna di colore, è stata utilizzata come prob. I prati accusarono Tlaib di aver infranto il decoro. Interviene il presidente del comitato, rappresentante democratico del Maryland Elijah Cummings. Tlaib ha detto che intendeva solo descrivere le azioni come razziste, non lo stesso Meadows.
Patton ha detto di non essere scossa dal dramma che ha seguito la sua apparizione.
“Sono andato e non ho rimpianti”, ha detto Patton.
Quanto a Cohen, non solo non crede che la sua descrizione di Trump come razzista fosse accurata, ha detto di sapere di prima mano che non era sincero nelle sue smentite quando il repubblicano Jim Jordan, il più alto repubblicano del comitato, lo ha premuto su le sue aspirazioni alla Casa Bianca. Cohen ha detto che gli sono stati offerti lavori alla Casa Bianca ma non ha avuto alcun interesse.
“Mi ha detto personalmente che voleva essere il capo dello staff”, ha detto Patton di Cohen. “Quando non ha ottenuto quel lavoro, ha poi esercitato pressioni sul capo del consiglio e, quando non ha ottenuto quel lavoro, è crollato in un guscio di un uomo che non riuscivo a riconoscere”.

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *