Le dichiarazioni dei redditi mostrano che molti democratici del 2020 hanno in comune una dubbia abitudine finanziaria

Beto O’Rourke. AP Photo / Seth Wenig

  • I candidati alla presidenza democratica hanno iniziato a rilasciare le loro dichiarazioni dei redditi, e la maggior parte di loro dà piccole somme delle loro entrate in beneficenza.
  • Ad esempio, Beto O’Rourke ha dato solo lo 0,3% delle sue entrate in beneficenza lo scorso anno, o solo $ 1,166 dei $ 366,455 che lui e sua moglie hanno fatto l’anno scorso, secondo la sua dichiarazione dei redditi.
  • I democratici hanno fatto un punto di trasparenza delle finanze personali, che il presidente Trump finora ha rifiutato di fare.
  • Visita BusinessInsider.com per altre storie.

Una manciata di candidati presidenziali democratici del 2020 hanno rilasciato pubblicamente le loro dichiarazioni dei redditi lunedì, tentando di creare un contrasto con se stessi e il presidente Donald Trump, che ha trattenuto le sue informazioni finanziarie private per tutta la sua presidenza, anche sulla scia delle indagini del Congresso.

Ma molte di quelle dichiarazioni dei candidati democratici hanno rivelato quanto poco danno in beneficenza ogni anno rispetto alle famiglie americane medie con livelli di reddito simili. Questo nonostante la significativa ricchezza di quei candidati alla presidenza.

Per saperne di più: Beto O’Rourke è candidato alla presidenza nel 2020. Ecco tutto ciò che sappiamo sul candidato e su come si impone contro la concorrenza.

L’ex rappresentante del Texas Beto O’Rourke ha rilasciato 10 anni di dichiarazioni dei redditi presentate congiuntamente a sua moglie, Amy. Nel 2017, O’Rourkes ha guadagnato $ 366,455, ma ha dato solo $ 1,166 in beneficenza. Questo è poco più dello 0,3% del loro reddito in contributi di beneficenza. Allo stesso modo, gli O’Rourke hanno dato solo lo 0,2% del loro reddito in beneficenza nel 2016.

In confronto, la famiglia media americana nella stessa fascia di reddito che classifica le loro deduzioni ha dato $ 21,364 in beneficenza nel 2016, secondo i dati IRS.

I contributi di beneficenza di O’Rourke non diventano molto più grandi negli altri anni. L’ultima volta che hanno donato più di $ 10.000 è stato nel 2013, quando hanno donato poco più del 4% delle loro entrate in beneficenza.

Come O’Rourke, il Vermont Sen. Bernie Sanders ha dato relativamente poco alla beneficenza rispetto ad altri americani, nonostante abbia scritto un libro che lo ha reso milionario nel 2016.

Sanders, che per anni ha resistito rilasciando diversi anni delle sue dichiarazioni dei redditi, ha guadagnato $ 1,073,333, ma ha donato $ 10,600 in beneficenza – o poco meno dell’1% delle sue entrate. Sulla base dei dati IRS del 2014, le persone che hanno guadagnato oltre $ 1 milione in quell’anno hanno ricevuto una deduzione mediamente benefica di $ 382,953, pari al 5,6% delle loro entrate.

La campagna di Sanders rileva che i proventi del suo libro del 2012, “The Speech”, sono devoluti in beneficenza e non si riflettono nei suoi ritorni.

Sanders ha incrementato la sua donazione benefica negli anni dal 2016, dando il 3,4% del suo reddito lordo corretto nel 2018 e il 3% nel 2017.

Altri candidati hanno donato anche piccole somme in beneficenza, come la senatrice Kirsten Gillibrand di New York, che insieme al marito ha donato meno del 2% dei loro 215.000 dollari in beneficenza lo scorso anno. La Minnesota Sen. Amy Klobuchar e suo marito hanno donato $ 6,600 dei loro $ 338,500 in beneficenza, una percentuale simile a quella di Gillibrand.

Il Senegalese Kamala Harris ha donato l’1,4% di lei e il suo reddito da $ 1,9 milioni in beneficenza nel 2017. E durante diversi anni del suo tempo come procuratore generale della California, Harris non ha riferito donazioni di beneficenza.

I maggiori contributi di beneficenza provenivano da democratici come Washington Gov. Jay Inslee e Massachusetts Sen. Elizabeth Warren. Inslee e sua moglie hanno donato il 4% del loro reddito nel 2017 mentre i Warrens hanno contribuito al 5,5% dei loro $ 906,000.

La mancanza di contributi di beneficenza è stata un punto dolente per i candidati alla presidenza in passato. Nel 2012, candidati come il candidato presidenziale repubblicano Mitt Romney e l’allora presidente Barack Obama hanno dato molto di più alla beneficenza di O’Rourke e Sanders, donando rispettivamente il 29% e il 22%.

Ma anche nel 2012, l’ex vicepresidente Joe Biden – ora un potenziale candidato alla presidenza del 2020 – ha dato solo l’1,5% delle sue entrate in beneficenza insieme a sua moglie, Jill Biden. La piccola parte in beneficenza è stata ampiamente criticata, ma è più ampia di quella di O’Rourke e Sanders nel 2016.

Altre uscite di dichiarazione dei redditi dalla campagna di Obama hanno anche mostrato come i Bidens hanno donato $ 3,690 in beneficenza nel corso di un intero decennio.

Nel frattempo, Trump si è rifiutato di rilasciare le sue dichiarazioni dei redditi anche dopo le richieste da parte del Comitato dei Ways & Means della Camera controllata dai democratici, che ha avviato una lunga battaglia legale tra il presidente e il Congresso.

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Sofia Bianchi

Sofia Bianchi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *