La tecnologia ritorna come il commercio di tendenza di Wall Street

SAN FRANCISCO (Reuters) – L’amato commercio tecnologico di Wall Street è tornato.

FILE PHOTO – Un trader punta a uno schermo che mostra FANG +, gruppo di società altamente quotate e società abilitate alla tecnologia, sul pavimento della Borsa di New York (NYSE) a New York, USA, 11 luglio 2018. REUTERS / Brendan McDermid

Le azioni tecnologiche statunitensi di questa settimana hanno riconquistato il loro titolo come la scommessa più redditizia del mercato azionario dell’anno, e le cosiddette azioni FANG hanno riacquistato il loro splendore dopo che gli investitori hanno scaricato il gruppo high-flying a dicembre per timore che il toro vecchio di dieci anni stava morendo.

Le startup unicorno di San Francisco stanno saltando sul nuovo slancio tecnologico. La società Ride-hailing Uber Technologies Inc sta pianificando di dare il via a un’offerta pubblica iniziale tanto attesa da aprile, secondo quanto riferito da Reuters.

Ciò mette Uber alle calcagna della piccola rivale Lyft Inc, che ha rilasciato la sua richiesta di offerta pubblica all’inizio di marzo, dopo due mesi solidi per i titoli tecnologici. L’indice Nasdaq è ora in linea con il suo trimestre più forte dal 2012, rimbalzando dal suo peggior trimestre dal 2008.

“C’è stato un forte de-risking forzato da parte degli hedge fund a dicembre”, ha detto Joel Kulina, un trader di Wedbush Securities specializzato in titoli tecnologici. “Ora c’è un sacco di FOMO” o “paura di perdere”, ha detto, una motivazione familiare tra gli investitori statunitensi negli ultimi anni.

L’indice S & P 500 è salito del 3,6 percento questa settimana ed è aumentato del 16,4 percento da inizio anno, con un aumento del 15,4 percento dell’indice industriale, che ha portato da febbraio ma è stato frenato questa settimana da un crollo in Boeing.

In un altro segno del sentimento di svolta, i titoli FANG – Facebook, Amazon.com, Netflix e Alfabeto dei genitori di Google – ogni lunedì hanno registrato guadagni da inizio anno migliori rispetto all’S & P 500, un primo nel 2019.

Gli investitori hanno scaricato tecnologia e scorte di FANG alla fine dello scorso anno a causa di timori sempre più profondi che la Federal Reserve avrebbe ulteriormente aumentato i tassi di interesse e le preoccupazioni che il conflitto commerciale tra Cina e Stati Uniti si sarebbe ulteriormente aggravato e danneggiato i profitti delle imprese.

Ma la Federal Reserve a gennaio ha segnalato che i rialzi dei tassi erano sostanzialmente fuori dal tavolo per il momento, eliminando la più grande fonte di ansia di Wall Street.

Facebook rimane il 22% al di sotto del livello record del luglio 2018, in quanto deve affrontare il controllo costante dei dati personali degli utenti, ma le quote del social network sono aumentate del 30% da dicembre, riflettendo una ripresa della fiducia degli investitori.

Netflix ha guadagnato il 34 percento nel 2019, anche dopo che il suo fatturato nel trimestre di dicembre ha deluso gli investitori, e ha dovuto affrontare la crescente concorrenza di rivali tra cui Walt Disney Co e potenzialmente Apple.

Molti investitori si stanno anche più fiduciosi che Washington e Pechino risolveranno la loro controversia commerciale, aprendo la strada ai guadagni delle aziende tecnologiche per crescere quest’anno, invece di diminuire, come attualmente previsto dagli analisti sell-side.

“Siamo in un gioco d’attesa”, ha detto Art Hogan, capo stratega di mercato di National Securities. “Nessuna delle due parti vuole che questo continui ancora per molto. L’economia cinese sta scivolando e il presidente vuole una vittoria. Entrambe le parti sono motivate a risolvere questo problema. ”

OCCHIO SU M & A

Dopo aver spazzato via i tagli alle imposte sulle società statunitensi, l’anno scorso i guadagni per azione delle società del settore tecnologico S & P 500 sono aumentati del 24%, secondo le stime dei dati IBES di Refinitiv i guadagni delle società tecnologiche sono ora in media ridimensionati dell’1% circa nel 2019.

Gli analisti si sono basati sul previsto calo delle recenti indicazioni da parte delle aziende che sentivano il colpo dalla guerra commerciale e quelle prospettive potrebbero cambiare rapidamente se il conflitto fosse risolto, ha detto Hogan.

L’acquisizione da parte di Chipmaker Nvidia di $ 6,8 miliardi di Mellanox Technologies, annunciata lunedì, ha accresciuto le speculazioni su più tecnologie di fusione e acquisizione.

Con Microsoft che colma il divario tra la leadership di Amazon.com nel cloud computing e Alphabet molto indietro, l’industria del cloud computing in rapida espansione è un posto ovvio da cui osservare ulteriori affari, ha detto Kulina.

Sottolineando l’iper crescita del settore cloud, il forte rapporto trimestrale del venditore di database MongoDB ha fatto segnare un aumento del 25,6% delle sue azioni giovedì, raggiungendo un livello record, con altri player del cloud in crescita, tra cui ServiceNow, Twilio e Appian.

L’indice ISE Cloud Computing è aumentato del 18 percento finora nel 2019.

L’indice Philadelphia Semiconductor ha guadagnato il 17 percento, anche se incerto si trascina su un crollo della domanda, con molti investitori che scommettono su un’eventuale risoluzione del conflitto commerciale e su un’impennata delle attività legate all’imminente introduzione della tecnologia di comunicazione wireless 5G.

Segnalazione di Noel Randewich; Montaggio di Alden Bentley e Leslie Adler

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *