La prossima frontiera della tecnologia immobilia

Collaboratore Patricia Nakache

Altri post di questo contributore
John Lin

è un partner associato di Trinity Ventures a supporto degli investimenti in strumenti di sviluppo, intelligenza artificiale e immobiliare.

Dall’intrattenimento ai trasporti, la tecnologia ha sconvolto quasi tutte le principali industrie – con una notevole eccezione: il settore immobiliare. Invece di interrompere il settore, l’ultima generazione di società di tecnologia immobiliare ha migliorato in primo luogo l’efficienza dei processi esistenti. I leader del settore Zillow / Trulia e LoopNet * ci hanno aiutato a cercare case e immobili commerciali in modo migliore e più veloce, ma non hanno cambiato in modo significativo ciò che acquistiamo o noleggiamo o da chi o come.

La prossima generazione di società di tecnologia immobiliare sta adottando un approccio più espansivo, smantellando i sistemi esistenti e reimmaginando quelli completamente nuovi che soddisfano la nostra crescente domanda di accessibilità, comunità e flessibilità.

La crescente necessità di accessibilità

La proprietà della casa è stata a lungo parte integrante del sogno americano, ma per molti giovani americani oggi è un sogno irraggiungibile. Un terzo dei millenari vive a casa e, come coorte, spende una quota maggiore del proprio reddito in affitto rispetto alle generazioni precedenti – circa il 45% durante il primo decennio di lavoro. Ciò lascia pochi soldi rimasti per il risparmio, molto meno per la proprietà della casa, il più grande dispendio finanziario della vita di molte persone.

La crescente necessità di alloggi a prezzi accessibili sta guidando alcune soluzioni creative abilitate alla tecnologia. Un segmento delle startup è focalizzato a rendere le case esistenti più accessibili, specialmente in mercati ad alto costo come New York e la Bay Area. Divvy aiuta i consumatori, molti dei quali con bassi punteggi di credito, case in affitto, che sono valutate per la redditività da una combinazione di appaltatori e apprendimento automatico. Atterrato, finanziato dalla Chan Zuckerberg Initiative, aiuta gli educatori a permettersi case nelle comunità in cui insegnano. Homeshare divide appartamenti di lusso in più unità più economiche, e Bungalow ha un approccio simile con le case. Entrambe le società hanno costruito piattaforme tecnologiche per gestire i loro elenchi di inquilini e per allocare le spese di affitto e semplificare i pagamenti.

I consumatori non cercano solo convenienza, ma cercano anche compagnia.

Un altro segmento di start-up è volto a ridurre i costi di costruzione di nuove case, ad esempio con abitazioni modulari prefabbricate per ridurre i costi di costruzione. Katerra, che ha appena raccolto $ 865 milioni, mira a creare un negozio unico e senza interruzioni per lo sviluppo commerciale e residenziale, gestendo l’intero processo di costruzione dalla progettazione e approvvigionamento fino al completamento della costruzione. Adottare un approccio “a tutto campo” in ogni fase del processo di costruzione dovrebbe consentire loro di trovare efficienze e ridurre i costi.

Se l’economia si indebolisce, la necessità di alloggi più accessibili crescerà solo, rendendo queste startup non solo resistenti alla recessione, ma anche alla recessione. Collettivamente, stanno aiutando gli americani a ridimensionare i propri sogni a qualcosa di più ampiamente raggiungibile.

Alla ricerca della comunità

I consumatori non cercano solo convenienza, ma cercano anche compagnia. Più della metà degli americani si sentono soli e la coorte più giovane della tarda adolescenza e della prima metà degli anni venti è la più solitaria del gruppo (seguita da vicino dai millennial). I millennial sono la prima generazione a entrare nel mondo del lavoro nell’era degli smartphone e dei laptop. Mentre la connettività 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ci consente di lavorare ovunque, in qualsiasi momento, crea anche aspettative di lavoro ovunque e in qualsiasi momento – e così tante persone, sanguinando le linee tra la vita lavorativa e la vita personale. Le ore di lavoro più lunghe rendono la comunità più difficile da costruire in modo organico, quindi molti millennial danno valore a datori di lavoro e proprietari terrieri che lo agevolano per loro.

Airbnb e WeWork erano in anticipo per capitalizzare la domanda di community, cambiando il modo in cui viaggiamo e l’altro ridefinendo lo spazio dell’ufficio moderno. Aziende di co-working come WeWork, inoltre, i fornitori più mirati come The Assembly *, The Wing e The Riveter , offrono serie di relatori, classi e altri eventi gratuiti per i membri volti a creare connessioni. Airbnb, una volta focalizzato solo sull’alloggio, ha ampliato la sua piattaforma per includere esperienze condivise di costruzione della comunità.

Le start-up condivise di vita e ospitalità investono anche in comunità per attrarre e fidelizzare i clienti. StarCity offre dormitori per adulti, case in affitto comuni e HubHaus destinati a essere condivisi dai coinquilini e Ollie offre micro appartamenti di lusso in un ambiente conviviale. Queste aziende stanno sfruttando la tecnologia per favorire le connessioni di persona. Ad esempio, Common utilizza i canali Slack per comunicare e connettere i membri e HubHaus utilizza gli algoritmi di corrispondenza dei compagni di stanza.

Nell’ambito del settore dell’ospitalità, Selina offre una blended travel lodge, una piattaforma di benessere e co-working orientata alla creazione di comunità per viaggiatori e lavoratori a distanza, completa di spazi high-tech sulla spiaggia e uffici nella giungla. Nel frattempo, Life House *, società alberghiera lifestyle guidata dall’esperienza, mette in contatto gli ospiti attraverso le destinazioni di cibi e bevande locali e le introduzioni sociali dirette basate su app ad altri viaggiatori.

La vita moderna richiede flessibilità

La vita può essere imprevedibile, specialmente per i giovani che tendono a cambiare spesso lavoro. I brevi periodi di lavoro sono particolarmente comuni all’interno della crescente forza lavoro dell’economia gig. Le persone che non sanno quanto tempo dureranno i loro lavori non vogliono essere gravati da impegni di locazione a lungo termine o da mobili che è tanto costoso da spostare quanto da acquistare.

La prossima frontiera della tecnologia immobiliare è tanto sconfinata quanto eccitante.

Aziende come Feather, Fernish e CasaOne affittano mobili a persone che cercano flessibilità nei loro ambienti di vita. Tra i consumatori pronti ad acquistare le loro case, ma alla ricerca di qualche aiuto in più, Knock, creato da Trulia che ha fondato i membri del team e che ha recentemente raccolto $ 400 milioni di serie B, fornisce una piattaforma end-to-end per consentire agli acquirenti di acquistare una nuova casa prima vendendo il loro vecchio. Sottolineando anche la flessibilità, OpenDoor, valutato per oltre $ 2 miliardi, ha aperto la strada alle “offerte istantanee” per i proprietari di case che cercano di vendere le loro case rapidamente, sfruttando algoritmi per determinare quanto valgono le case specifiche.

Non sono solo i residenti a cercare contratti flessibili; anche molte aziende lo fanno, in particolare quelle che ospitano dipendenti distribuiti o che vivono periodi di incertezza o crescita rapida. Per consentire la flessibilità, diverse società di tecnologia immobiliare commerciale hanno sviluppato piattaforme che bilanciano i prezzi, la capacità e la domanda.

Knotel, un “quartier generale come servizio” per le aziende con 100-300 dipendenti, costruisce e gestisce gli uffici a minor rischio e con maggiore flessibilità rispetto a quanto è normalmente possibile tramite contratti di locazione di immobili commerciali, consentendo agli inquilini di aggiungere o ridurre rapidamente spazi per uffici come necessario. WeWork consente ai membri di pagare solo per i periodi di tempo in cui entrano al lavoro. Portando la flessibilità ad un livello ancora più grande, Breather consente ai lavoratori di affittare le stanze a ore, giorni o mesi.

La prossima frontiera della tecnologia immobiliare è tanto sconfinata quanto eccitante. Un’intera nuova generazione di startup sta progettando soluzioni innovative da zero per soddisfare le crescenti esigenze di accessibilità, community e flessibilità. In questo processo, stanno fondamentalmente reinventando il modo in cui viviamo, lavoriamo e giochiamo trasformando il posto di lavoro moderno, lo spazio per il tempo libero e persino la nostra definizione di casa. Non vediamo l’ora di vedere – e sperimentare – ciò che ci aspetta.

* Trinity Ventures società di portafoglio.

LEGGI DI PIÙ…

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *