La polizia sta cercando di riunire i resti cremati con il viaggiatore che li ha lasciati indietro nel più grande aeroporto dell'Alaska

La polizia sta cercando di riunire i resti cremati lasciati nel più grande aeroporto dell’Alaska con il viaggiatore che li ha lasciati indietro.

Qualcuno che ha viaggiato attraverso l’aeroporto internazionale di Ted Stevens Anchorage lo scorso agosto ha lasciato una borsa Ziploc con ceneri umane a un posto di blocco, l’Anchorage Daily News ha riferito mercoledì.

Le ceneri erano rimaste in stato di ebbrezza per più di sei mesi prima che venisse notificato alla polizia, la polizia dell’aeroporto e il sergente del fuoco. Dan Juarez ha detto. Da allora le ceneri sono state collocate nell’unità di prova del dipartimento.

Il sacchetto di cenere non contiene alcuna informazione identificativa.

“Questa è la prima volta che abbiamo a che fare con questo”, ha detto Juarez. “È insolito.”

Martedì scorso la polizia dell’aeroporto ha postato le ceneri mancanti su Facebook, sperando che la notizia si diffondesse e il viaggiatore potesse vedere il post.

“Voglio che le persone lo condividano il più possibile e spero che faccia fuori qualche membro della famiglia per controllare l’urna”, ha detto Juarez.

Se i resti non vengono reclamati nelle prossime settimane, saranno conservati in un centro di cremazione.

Juarez ha detto che è possibile che il viaggiatore non sappia che i resti mancano se non hanno aperto l’urna da quando viaggiano con esso.

Il viaggiatore probabilmente ha tirato fuori i resti per passare attraverso la sicurezza, ha detto Juarez.

Sicurezza del trasporto Agenti di amministrazione non sono autorizzati a rimuovere resti dai contenitori, secondo l’agenzia.

Informazioni da: Anchorage Daily News, http://www.adn.com

Fonte immagine: https://www.pexels.com/ (https://www.pexels.com/photo/auto-automobile-blur-buildings-532001/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *