La maggior parte delle aspirazioni presidenziali democratiche degli Stati Uniti fanno ancora affidamento su grandi donazioni di campagn

WASHINGTON (Reuters) – Mentre i Democratici statunitensi enfatizzano la costruzione delle loro campagne presidenziali per il 2020 sul sostegno popolare, meno della metà ha accumulato almeno il 50% del loro sostegno finanziario iniziale da donazioni da piccoli dollari, un’analisi Reuters ha trovato.

FILE FOTO: Il candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti 2020 e il senatore Bernie Sanders partecipano a una discussione moderata al summit We the People a Washington, USA, 1 aprile 2019. REUTERS / Carlos Barria / File Photo

I candidati alla ricerca della Casa Bianca hanno presentato i loro totali di raccolta fondi per il primo trimestre lunedì, rivelando che molti si affidano ancora a assegni superiori a $ 200. Dei 15 democratici che hanno lanciato campagne prima del 1 aprile, solo sei su 15 hanno accumulato metà delle loro entrate da donazioni in dollari.

E molti candidati stanno ancora appoggiando i donatori nei loro stati d’origine per controlli più ampi. Nove candidati democratici hanno ricevuto la maggior parte dei loro contributi di $ 200 o più dai loro stati d’origine, secondo l’analisi Reuters.

Le prodezze di raccolta fondi in anticipo possono segnalare la forza della campagna di un candidato. Aumentare i piccoli assegni da più donatori può fungere da test di sostegno popolare. La costruzione di un’ampia base di donatori che si estende oltre lo stato di origine di un candidato è la prova di una maggiore trazione.

Molti democratici hanno propagandato il loro sostegno tra i cosiddetti donatori “piccoli dollari”, quelli che danno meno di $ 200. Ma solo sei – il senatore degli Stati Uniti Bernie Sanders, la senatrice americana Elizabeth Warren, l’ex membro del Congresso Beto O’Rourke, il sindaco Pete Buttigieg di South Bend, Indiana, il rappresentante degli Stati Uniti Tulsi Gabbard e Andrew Yang, ex dirigente tecnico – fanno affidamento principalmente su quei piccoli -dai donatori.

L’analisi include rapporti di raccolta fondi che coprono i primi tre mesi del 2019 dai candidati che hanno lanciato le loro campagne prima del 1 aprile. Il campo dei candidati si è poi gonfiato, con 18 democratici in lizza per vincere la nomina del partito per sfidare il presidente Donald Trump nel novembre 2020.

Sanders, del Vermont, ha beneficiato maggiormente dei donatori di piccoli dollari nel primo trimestre, con circa l’84 percento dei suoi 18 milioni di dollari provenienti da persone che hanno contribuito con meno di $ 200.

Sanders aveva anche la più ampia diversità geografica nelle sue donazioni, con i donatori della California che rappresentavano il 27% delle sue donazioni di $ 200 o più. Meno del 2% delle sue donazioni proveniva dal suo stato d’origine.

Donazioni da un piccolo dollaro possono aiutare a catapultare un candidato sotto i riflettori. Buttigieg fino a poco tempo fa non aveva un profilo nazionale, ma ha raccolto $ 7 milioni durante il primo trimestre del 2019 – di cui il 64 percento proveniva da piccole donazioni.

In una mossa per dimostrare che sono seriamente intenzionati ad eliminare grandi somme dalla politica, la maggior parte dei candidati alla presidenza democratica ha promesso di donare donazioni da parte dei comitati politici di raccolta fondi. Alcuni hanno annullato il controllo da parte dei lobbisti registrati.

Il Comitato nazionale democratico ha annunciato all’inizio di quest’anno che il sostegno del dollaro di piccola taglia sarà una delle metriche utilizzate per determinare chi si qualifica per partecipare a una serie di dibattiti primari televisivi a livello nazionale che inizieranno a giugno.

Warren – l’unico candidato che ha anche giurato di partecipare a raccolte di fondi di grandi dimensioni – ha riferito che circa il 70% dei $ 6 milioni raccolti nel primo trimestre proveniva da donatori di piccoli dollari. I donatori del Massachusetts hanno rappresentato il 25% dei contributi oltre $ 200.

O’Rourke ha riferito che il 59% dei suoi $ 9,4 milioni proviene da donazioni di $ 200 o meno. Più di $ 2,1 milioni provenivano da texani che hanno scritto assegni di $ 200 o più.

Dall’altra parte dello spettro, John Hickenlooper, l’ex governatore del Colorado, ha raccolto solo il 10% delle sue donazioni in 200 dollari o contributi minori. C’era anche poca variazione geografica tra i suoi contributori, con oltre il 60% delle donazioni oltre $ 200 provenienti dal suo stato di origine.

I senatori statunitensi Cory Booker, del New Jersey, e Kirsten Gillibrand, di New York, hanno raccolto circa il 16% del loro denaro da donatori di piccoli dollari.

Segnalazione di Amanda Becker, Ginger Gibson e Grant Smith; Montaggio di Michael Perry e Susan Thomas

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *