La corte russa libera l'investitore statunitense Calvey dal carc

MOSCA (Reuters) – Un tribunale russo ha rilasciato l’investitore statunitense Michael Calvey giovedì dopo due mesi di prigione e lo ha messo agli arresti domiciliari fino a sabato, addolcendo le sue cure in un caso di frode che ha scosso gli investitori.

L’investitore statunitense e fondatore del gruppo di private equity Baring Vostok, Michael Calvey, detenuto con l’accusa di frode, lascia la corte dopo l’udienza a Mosca, in Russia, l’11 aprile 2019. REUTERS / Maxim Shemetov

Non è stato subito chiaro cosa sarebbe successo dopo sabato.

Calvey, fondatore del gruppo di private equity di Baring Vostok, è stato arrestato a febbraio in attesa di un processo per appropriazione indebita che nega e che afferma di essere abituato a fargli pressione su una controversia aziendale sul controllo di una banca russa.

“Nonostante questo conflitto aziendale che ha portato al processo penale, vorrei sottolineare quello che ho sempre detto: continuo a credere nel potenziale di investimento della Russia”, ha detto Calvey da una gabbia di vetro in tribunale.

Diversi funzionari di spicco e uomini d’affari hanno esercitato pressioni per il rilascio di Calvey e altri dirigenti di Baring Vostok detenuti con lui, e hanno definito la loro carcerazione preventiva indebitamente severa.

Le figure senior pro-business dell’establishment russo affermano che il caso ha avuto un effetto agghiacciante sul clima degli affari che è già sotto pressione dalle sanzioni occidentali, dalla crescita economica lenta e dalla volatilità del rublo.

La sentenza di giovedì è stata emessa su richiesta di investigatori che mercoledì hanno chiesto a Calvey e ad un altro detenuto sospettato, Alexey Kordichev, di essere trasferiti agli arresti domiciliari. Fino a quel momento avevano chiesto che i sospetti fossero tenuti in custodia e in primo luogo hanno portato le accuse contro Calvey.

I pubblici ministeri dissero alla corte che erano contenti che Calvey venisse rilasciato dalla custodia poiché aveva tre figli, oltre a proprietà in Russia, e che molti importanti uomini d’affari avevano pubblicamente garantito per lui.

Dopo che i pubblici ministeri hanno cambiato la loro posizione, il ministro delle finanze Anton Siluanov e Kirill Dmitriev, capo del fondo sovrano russo, hanno dichiarato di aver accolto favorevolmente la decisione.

Baring Vostok, uno dei più antichi gruppi di private equity della Russia, ha detto che spera che vengano fatti passi simili per liberare gli altri dirigenti detenuti del fondo.

I soci di Baring Vostok, Vagan Abgaryan e Philippe Delpal, nonché il direttore degli investimenti Ivan Zyuzin sono ancora detenuti.

Segnalazione di Gabrielle Tétrault-Farber; Scrittura di Tom Balmforth; Montaggio di Christian Lowe / Mark Heinrich

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *