Julian Assange è stato arrestato

La polizia di Londra (CNN) è entrata nell’ambasciata ecuadoriana a Londra giovedì mattina per arrestare Julian Assange e portare il periodo di sette anni del fondatore di Wikileaks a una drammatica chiusura.

Gli agenti di polizia metropolitana hanno fatto la mossa dopo che l’Ecuador ha ritirato l’asilo di Assange e ha invitato le autorità all’ambasciata, citando il cattivo comportamento dell’Australia.
Assange è stato detenuto per “non aver ceduto alla corte” per un mandato emesso nel 2012 ed è stato detenuto in una stazione di polizia del centro di Londra, ha riferito la polizia.
Assange comparirà davanti al tribunale dei magistrati di Westminster a Londra appena possibile, ha aggiunto la polizia.
L’informatore è stato rintanato presso l’ambasciata, a pochi metri dai grandi magazzini Harrods di Knightsbridge, dal 2012, quando gli è stata concessa l’asilo come parte di un’offerta per evitare l’estradizione in Svezia, dove si trovava ad affrontare accuse di violenza sessuale.
Il caso svedese è stato abbandonato, ma Assange temeva l’estradizione degli Stati Uniti a causa del suo lavoro con WikiLeaks e rimaneva nell’ambasciata. Ha ripetutamente negato qualsiasi illecito.
Il presidente ecuadoriano Lenin Moreno ha detto in una video dichiarazione che il suo paese ha ritirato il manicomio di Assange a causa del suo “comportamento scortese e aggressivo”, “le dichiarazioni ostili e minacciose della sua organizzazione alleata contro l’Ecuador” e “la trasgressione dei trattati internazionali”.
Assange “ha violato la norma di non intervenire negli affari interni di altri stati”, ha detto Moreno. “L’incidente più recente si è verificato a gennaio 2019, quando Wikileaks ha trapelato i documenti del Vaticano.I membri chiave di tale organizzazione hanno visitato il signor Assange prima e dopo tali atti illegali”, ha aggiunto.
A luglio 2016, WikiLeaks ha pubblicato circa 20.000 messaggi di posta elettronica dai membri del comitato nazionale democratico che sembravano mostrare la commissione favorendo la presunta candidata democratica Hillary Clinton su Bernie Sanders durante le primarie presidenziali americane.
Assange ha poi dichiarato alla Anderson Cooper della CNN che il rilascio delle e-mail è stato programmato per coincidere con l’inizio della Convention nazionale democratica.
Una dichiarazione della corte statunitense nel novembre 2018 ha inavvertitamente rivelato gli sforzi del governo degli Stati Uniti per incriminare Assange.
Alan Duncan, Ministro di Stato del Ministero degli Esteri britannico per l’Europa e le Americhe, ha ringraziato l’Ecuador per aver revocato l’asilo di Assange.
“E ‘assolutamente vero che Assange dovrà affrontare la giustizia nel modo giusto nel Regno Unito, è compito dei tribunali decidere cosa accadrà dopo”, ha detto Duncan in una nota.
“Siamo molto grati al governo dell’Ecuador sotto la presidenza di Moreno per l’azione intrapresa”, ha proseguito la dichiarazione. “Gli eventi di oggi seguono un ampio dialogo tra i nostri due paesi”.
Il 4 aprile, WikiLeaks ha twittato dal suo account verificato, “BREAKING: una fonte di alto livello all’interno dello stato ecuadoriano ha dichiarato a @WikiLeaks che Julian Assange sarà espulso entro” ore a giorni “usando lo scandalo offshore #INAPapers come pretesto – e che ha già un accordo con il Regno Unito per il suo arresto “.
In una dichiarazione rilasciata venerdì, il team legale di Assange ha affermato che espellendolo dall’ambasciata “violerebbe la legge internazionale sui rifugiati”.
“Sarebbe un giorno triste per la democrazia se i governi britannico ed ecuadoriano fossero disposti ad agire come complici della determinazione dell’amministrazione Trump di perseguire un editore per pubblicare informazioni veritiere”, si legge nella dichiarazione.
Il ministero degli Esteri ecuadoriano ha negato le voci in una dichiarazione, definendole “false notizie” e aggiungendo che l’accusa di un accordo con il Regno Unito “travisa la realtà”.
Milena Veselinovic della CNN, Erin McLaughlin e Hadas Gold hanno contribuito a questo rapporto.

Fonte immagine: %% image_source_website %% (%% image_source_url %%)

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *