Il guadagno delle scorte globali dopo il ritardo dell'autotariffa Trump, i bassi tassi di pressione dei dati

NEW YORK (Reuters) – Gli indici azionari statunitensi ed europei hanno guadagnato mercoledì dopo le notizie secondo cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva pianificato di ritardare le tariffe sulle importazioni automobilistiche, compensando le precedenti pressioni sui titoli azionari da deboli dati economici statunitensi e cinesi.

FOTO FILE: gli operatori del settore lavorano a New York Stock Exchange (NYSE) a New York, USA, 14 maggio 2019. REUTERS / Brendan McDermid / File Photo

Si prevede che Trump ritarderà la decisione sulle tariffe delle auto e delle parti importate fino a sei mesi, hanno riferito a Reuters tre funzionari dell’amministrazione. I timori di un’escalation della guerra commerciale globale, in particolare a seguito di un picco nelle tensioni tra Stati Uniti e Cina, hanno scosso i mercati nella scorsa settimana.

Nel frattempo, il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha detto che probabilmente viaggerà presto in Cina per continuare i colloqui mentre Washington e Pechino cercano di risolvere la loro guerra commerciale durata mesi.

I principali indici azionari statunitensi ed europei sono finiti più in alto dopo essere caduti all’inizio della sessione.

A Wall Street, il Dow Jones Industrial Average è salito di 115,97 punti, 0,45%, a 25.648,02, l’S & P 500 ha guadagnato 16,55 punti, o 0,58%, a 2.850,96 e il Nasdaq Composite ha aggiunto 87,65 punti, ovvero 1,13%, a 7.822,15.

“Il mercato stava vendendo, ma è rimbalzato”, ha detto Chuck Carlson, amministratore delegato di Horizon Investment Services a Hammond, nell’Indiana. “È sintomatico di un mercato che è in modalità a breve termine in questo momento e ciò che sta guidando è proprio il commercio.”

L’indice pan-europeo STOXX 600 è salito dello 0,46%. L’indice europeo di automobili e fornitori è salito del 2,0%.

Lo scartamento delle azioni di MSCI in tutto il mondo ha guadagnato lo 0,49%.

Gli sviluppi positivi del commercio hanno sollevato il sentimento di rischio che era stato attenuato in precedenza nella sessione da dati economici deboli.

La Cina ha registrato una crescita sorprendentemente più debole delle vendite al dettaglio e della produzione industriale per aprile. Negli Stati Uniti, le vendite al dettaglio sono diminuite inaspettatamente in aprile, mentre le famiglie hanno ridotto gli acquisti di veicoli a motore e una serie di altri beni, mentre altri dati hanno mostrato un calo della produzione industriale il mese scorso.

I rendimenti dei titoli del Tesoro USA sono diminuiti, con il rendimento a due anni che ha toccato il livello più basso in 15 mesi dopo che i dati deludenti degli Stati Uniti hanno aumentato le aspettative che la Federal Reserve taglierà i tassi di interesse quest’anno.

Le obbligazioni decennali di riferimento hanno chiuso il 14/32 in rialzo per attestarsi al 2,3715%, dal 2,419% in ritardo rispetto a martedì.

Anche i rendimenti delle obbligazioni tedesche sono diminuiti in territorio negativo.

“Hai una storia di due mercati”, ha detto Willie Delwiche, stratega degli investimenti di Baird a Milwaukee. “Le azioni statunitensi, in particolare quelle statunitensi a grande capitalizzazione, hanno registrato un rialzo in risposta a … titoli relativi al commercio. Ma la cosa curiosa è che il mercato obbligazionario non ha risposto “.

“Mi suggerisce che esiste una causa per qualche preoccupazione globale in termini di economia”, ha detto Delwiche.

L’indice del dollaro, che misura il biglietto verde su un paniere di sei principali valute, è aumentato dello 0,06%, con l’euro in calo dello 0,04% a $ 1,1999.

Presentazione(2 immagini)

I futures del petrolio sono cresciuti in quanto le preoccupazioni che le crescenti tensioni in Medio Oriente potrebbero colpire le forniture globali hanno messo in ombra un inaspettato aumento delle scorte di greggio USA.

Il greggio statunitense è salito dello 0,4% a $ 62,02 al barile, mentre il Brent si è attestato a $ 71,77, in rialzo dello 0,7%.

(Grafico: World FX rates nel 2019 – tmsnrt.rs/2egbfVh)

Reportage aggiuntivo di Stephen Culp e April Joyner a New York e Karin Strohecker a Londra; Montaggio di Bernadette Baum e James Dalgleish

Fonte immagine: https://www.pexels.com/ (https://www.pexels.com/photo/grocery-cart-with-item-1005638/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *