Il giudice americano chiama Bayer per la mediazione nei processi del glifosato

SAN FRANCISCO (YF) – Dopo due sconfitte nelle cause relative al rischio di cancro dai prodotti della controllata Monsanto, il gruppo farmaceutico e farmaceutico Bayer (azioni Bayer) cercando un accordo amichevole con i querelanti, secondo la volontà di un giudice. Il giudice americano Vince Chhabria, in cui centinaia di richieste sono state presentate da agricoltori, giardinieri e consumatori, ha invitato Bayer e querelanti a intervenire in un ordine del giovedì per attivare un mediatore. Se le due parti non sono d’accordo, un tribunale ordinerà un mediatore. Inoltre, il giudice ha tagliato per il momento un processo programmato a metà maggio. Già la settimana scorsa c’erano state speculazioni su una richiesta di mediazione.

Alla fine di marzo, Bayer ha perso un caso limite presso il tribunale distrettuale federale di San Francisco sotto la guida della Chhabria. La giuria della giuria ha scoperto che Monsanto è responsabile per i rischi di cancro dell’omicida Roundup e deve risarcire il ricorrente settantenne Edwin Hardeman per un importo totale di $ 80,3 milioni (tasso di cambio del dollaro) (71,4 milioni di euro). Già l’anno scorso, una giuria in un altro tribunale aveva Monsanto in un altro caso un pagamento milionario tuonò.

Bayer continua a sottolineare la sicurezza degli erbicidi a base di glifosato e fa affidamento su numerosi studi scientifici. Il Dax Il gruppo va contro i giudizi.

Attualmente, un’altra procedura – ma presso un tribunale distrettuale – a Oakland, in California. I querelanti sono una coppia sopravvissuta al cancro che ha passato anni a occuparsi di Roundup, incolpando l’erbicida per la sua sofferenza.

Alla fine di gennaio, la Bayer aveva già depositato le richieste di risarcimento da parte di 11.200 querelanti. L’analista Richard Vosser della US Bank JPMorgan si aspetta che il numero salga ad almeno 15.000. Si aspetta oneri su Bayer di 5 miliardi di €. / Mis / nas / jha /

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *