Ultimatum a Gheddafi

I ribelli a Gheddafi: “Lasci in 72 ore”

Il portavoce della Coalizione del 17 febbraio, Mustafa Abdel Jalil, ha portato avanti un tentativo di avvicinamento e di trattativa dei per porre fine alla guerriglia che sta devastando la . Un avvicinamento spinto unicamente dalla necessità di porre fine alla carneficina perpetrata dalle milizie di Gheddafi.

Nella dichiarazione, rilasciata in collegamento telefonico su Al Jazeera con l’ex Ministro della Giustizia, si pone un : “ deve lasciare il Paese entro 72 ore e le opposizioni non chiederanno un processo internazionale nei suoi confronti. Prima di ogni trattativa, il rais deve farsi da parte.”

Lo stesso leader libico aveva suggerito una soluzione di questo tipo ma a fronte di un salvacondotto che gli garantisse incolumità alla sua persona, ai suoi familiari e al suo patrimonio. Una soluzione a cui non crede neanche più il regime libico, visto che, da quanto comunicato dalla televisione di stato, non è stato dato spazio alle trattative.

Redazione YouFOCUS.TV




One thought on “I ribelli a Gheddafi: “Lasci in 72 ore”

  1. FRANCESCO BUFFA DESIGNER

    GHEDDAFI LASCI ENTRO 72 ORE
    Certo, per trovare l’impunità potrebbe venire in Italia, dove potrebbe godere di una legge ad personam che nel nostro paese ormai da tempo non scandalizza nessuno! – si potrebbe fare ad esempio un lodo Gheddafi, tanto c’è una maggioranza che tutto può! Nessuno si scandalizzerà, non correrà neanche il rischio di un mandato di arresto internazionale, perché presto la polizia giudiziaria non dipenderà dalla magistratura ma da un ministro della Repubblica, stanno lavorando proprio per questo . . . coraggio Gheddafi puoi venire tranquillamente! Stiamo lavorando per gente come te, non sarai più intercettato e se vuoi potrai tranquillamente continuare a ordinare bombardamenti contro i tuoi nemici e poi a infangare i dissidenti ci penseranno i giornali italiani che hanno un’esperienza consolidata, in Italia ti hanno pure baciato le mani, hai buoni amici vieni tranquillo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *