Gli Stati Uniti accusano Assange di WikiLeaks di aver cospirato contro l'hacking con Manning

WASHINGTON (Reuters) – I pubblici ministeri statunitensi hanno annunciato accuse contro il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, accusandolo di aver cospirato con l’ex analista dell’intelligence armata Chelsea Manning per ottenere l’accesso a un computer governativo come parte di uno dei più ampi compromessi di informazioni classificate nella storia degli Stati Uniti.

Un uomo si riflette in una finestra di un furgone della polizia mentre il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è stato visto all’interno, dopo essere stato arrestato, a Londra, in Gran Bretagna, l’11 aprile 2019. REUTERS / Henry Nicholls

Assange, arrestato dalla polizia britannica e portato fuori dall’ambasciata di Ecaudor a Londra, rischia fino a cinque anni di prigione per l’accusa americana, ha detto il Dipartimento di Giustizia americano in una dichiarazione. Il suo arresto spianò la strada alla sua possibile estradizione negli Stati Uniti.

L’accusa di Assange è scaturita da un’indagine criminale risalente all’amministrazione dell’ex presidente Barack Obama.

È stato in parte innescato dalla pubblicazione di WikiLeaks del 2010 di centinaia di migliaia di rapporti militari statunitensi sulle guerre in Afghanistan e Iraq e sulle comunicazioni diplomatiche americane, una rivelazione che ha messo in imbarazzo Washington e ha causato relazioni tese con gli alleati.

Il dipartimento di giustizia ha affermato che Assange, 47 anni, è stato arrestato in base a un trattato di estradizione tra gli Stati Uniti e la Gran Bretagna ed è stato accusato di cospirazione per commettere un’intrusione informatica.

L’accusa, presentata nel marzo 2018 e non sigillata giovedì, ha dichiarato Assange nel marzo 2010 impegnata in una cospirazione per aiutare Manning a decifrare una password memorizzata sui computer del Dipartimento della Difesa collegati al Segreto Internet Protocol Network (SIPRNet), una rete governativa USA utilizzata per classificare documenti e comunicazioni.

Manning aveva accesso ai computer come analista dell’intelligence e li stava usando per scaricare i documenti riservati da trasmettere a Wikileaks, ha detto il Dipartimento di Giustizia. Craccare la password avrebbe permesso a Manning di accedere con un nome utente diverso dal suo, rendendo più difficile per gli investigatori determinare la fonte delle divulgazioni illegali, ha detto.

Manning, precedentemente chiamato Bradley Manning, è stato incarcerato l’8 marzo dopo essere stato disprezzato da un giudice in Virginia per essersi rifiutato di testimoniare dinanzi a un gran giurì in quello che è ampiamente ritenuto essere correlato all’indagine di Assange.

Manning è stato condannato dalla corte marziale nel 2013 per spionaggio e altri reati per aver fornito a WikiLeaks oltre 700.000 documenti, video, cavi diplomatici e documenti sul campo di battaglia mentre era un analista dell’intelligence in Iraq. Obama ha commutato gli ultimi 28 anni della condanna a 35 anni di Manning.

“I giornalisti di tutto il mondo dovrebbero essere profondamente turbati da queste accuse criminali senza precedenti”, ha detto in una dichiarazione Barry Pollack, un avvocato di Assange, dicendo che le accuse “si riducono ad incoraggiare una fonte a fornirgli informazioni e ad impegnarsi per proteggere l’identità di quella fonte. ”

Un funzionario di polizia vicino al caso ha rifiutato di discutere se ulteriori accuse potrebbero essere presentate contro Assange.

Mark MacDougall, un ex procuratore federale, ha detto oggi che crede che il caso del governo contro Assange assomigli ad un “atto di accusa da parte del governo”.

“Hanno dovuto indagare a fondo sul caso Manning”, ha detto. “Penso che quello che stai vedendo in questa breve accusa è un piccolo esempio del frutto di quell’indagine.”

I rappresentanti di Manning non hanno avuto commenti immediati.

L’accusa ha detto che Manning ha scaricato quattro enormi database del governo degli Stati Uniti contenenti circa 90.000 rapporti di guerra in Afghanistan, 400.000 rapporti di guerra in Iraq, 800 documenti di valutazione per detenuti detenuti da Guantanamo Bay e 250.000 cavi del Dipartimento di Stato. Funzionari statunitensi hanno detto che le fughe di notizie mettono in pericolo la vita delle truppe americane.

SPECIALE INCHIESTA

Il Consigliere speciale Robert Mueller ha esaminato attentamente le azioni di WikiLeaks nei suoi 22 mesi di indagini sul ruolo della Russia nelle elezioni americane del 2016. Il sito web ha pubblicato e-mail dannose per il candidato presidenziale democratico Hillary Clinton che Mueller e le agenzie di intelligence statunitensi hanno dichiarato essere state rubate dalla Russia nel tentativo di rafforzare la candidatura del repubblicano Donald Trump.

L’amministrazione Obama ha deciso di non perseguire WikiLeaks e Assange sulla base del fatto che il lavoro del sito Web era troppo simile alle attività giornalistiche protette dalla garanzia di libertà di stampa della Costituzione degli Stati Uniti.

L’atto di accusa citato da una conversazione in cui Assange incoraggia Manning a fornire maggiori informazioni: Manning ha detto ad Assange che “dopo questo caricamento, è tutto quello che mi è rimasto”, con Assange che ha risposto che “gli occhi curiosi non si esauriscono mai nella mia esperienza”.

WikiLeaks ha affrontato critiche da parte di funzionari statunitensi tra cui il Segretario di Stato Mike Pompeo, che quando era direttore della CIA nel 2017 ha definito Assange una “frode” e WikiLeaks un “servizio di intelligence ostile spesso favorito da attori statali come la Russia”.

Ma Trump ha elogiato il sito durante la campagna presidenziale. Durante una manifestazione poco prima delle elezioni, Trump ha dichiarato: “I love WikiLeaks” dopo aver pubblicato le e-mail democratiche violate che hanno danneggiato la candidatura di Clinton.

Assange, che si è rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador nel 2012 per evitare l’estradizione in Svezia in un’indagine sulle aggressioni sessuali, ha detto di non sapere la fonte delle email relative al Partito Democratico che Wikileaks ha pubblicato prima delle elezioni, ma ha detto di non averle ricevute dalla Russia .

Segnalazione di Mark Hosenball e Sarah N. Lynch a Washington, Nathan Layne a New York; scritto da Will Dunham; montaggio di Jonathan Oatis e Alistair Bell

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *