tmp_agenziadelleentrate_particolare_20-1751123156

Evade 180mila euro di IVA a causa della crisi: Assolto

tmp_agenziadelleentrate_particolare_20-1751123156Giunge notizia da del singolare caso di un imprenditore che, a causa della , aveva mancato di versare l’ingente somma di euro di all’erario.
Il gup milanese Carlo de Marchi ha infatti accolto la tesi della difesa dell’imprenditore informatico, secondo la quale il mancato pagamento delle imposte dovute non é stato fraudolento, essendo ogni singola voce di debito nei confronti dello Stato debitamente e attentamente compilata e segnalata all’. Qualora l’imprenditore avesse voluto frodare, le cartelle esattoriali sarebbero state edulcorate appositamente, mentre, in realtá, riportavano la triste situazione dell’azienda, che in seguito a causa dela crisi é fallita. Tutto semplice a raccontarlo cosí, ma inizialmente la procura aveva condannato l’imprenditore a 6 mesi di reclusione, convertiti in una multa di 40mila euro. Al decreto si erano poi opposti i legali dell’informatico, ottenendo al fine, tramite rito abbreviato, l’assoluzione. Secondo il giudice infatti mancava l’elemento soggettivo del reato, ossia la volontá di omettere il pagamento. Stando cosí le cose, il comportamento dell’uomo é stato giudicato penalmente irrilevante.




One thought on “Evade 180mila euro di IVA a causa della crisi: Assolto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *