Ecco come Wikileaks ha “minacciato” l'Ecuador prima che Julian Assange sia stato arrestato

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, arriva a corte dopo essere stato arrestato a Londra. Hannah McKay / Reuters

  • Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, è stato arrestato giovedì dalla polizia del Regno Unito dopo quasi sette anni nell’ambasciata ecuadoriana di Londra.
  • L’arresto è arrivato dopo che Assange ha affermato di essere stato spiato in custodia in Ecuador, e Wikileaks ha promosso una discarica di documenti che ha implicato il presidente ecuadoriano Lenin Moreno della corruzione.
  • Il rapporto di Assange con il governo ecuadoriano si è fatto teso negli ultimi anni per il rilascio di documenti relativi agli affari internazionali da parte di Wikileaks, ma solo ora l’Ecuador si è liberato.
  • Moreno ha incolpato Wikileaks per la discarica di documenti e ha detto che le accuse spionistiche sono “minacciate” sul suo paese.
  • Visita BusinessInsider.com per altre storie.

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, è stato arrestato dalla polizia britannica giovedì all’ambasciata ecuadoriana a Londra dopo la revoca del suo asilo dall’Ecuador.

La revoca dell’asilo e dell’arresto ha segnato la fine di una relazione rocciosa durata sette anni tra il fondatore di Wikileaks e il suo governo ospitante.

Per saperne di più: gli Stati Uniti chiedono di estradare Julian Assange dopo essere stato arrestato e rimosso con la forza dall’ambasciata ecuadoriana di Londra

In un video, il presidente ecuadoriano Lenín Moreno ha citato i maltrattamenti da parte di Assange del personale e delle strutture dell’ambasciata, nonché la continua attività politica di Wikileaks come principale motore per porre fine al manicomio.

L’arresto di Assange arriva anche il giorno dopo che sosteneva che un’operazione sofisticata di spionaggio lo aveva preso di mira, portando a richieste di estorsioni e settimane dopo che Wikileaks aveva rilasciato documenti privati, comprese foto personali ed e-mail, implicando Moreno in uno scandalo di corruzione.

“La pazienza dell’Ecuador ha raggiunto i suoi limiti”, ha detto Moreno nel video.

Moreno ha citato il rilascio da parte di Wikileaks di documenti appartenenti alla Città del Vaticano a gennaio come prova che Assange “ha violato la norma di non intervenire negli affari interni di altri stati” e ha affermato che la discarica di documenti e altre attività “ha confermato il sospetto del mondo che Assange sia ancora collegato a Wikileaks. “

Moreno ha anche citato una serie di maltrattamenti dell’ambasciata di Assange tra cui accuse secondo cui il fondatore di Wikileaks “ha installato apparecchiature elettroniche di distorsione”, “ha bloccato le telecamere di sicurezza della missione ecuadoriana a Londra”, “ha affrontato e maltrattato le guardie” e “ha avuto accesso alla sicurezza file della nostra ambasciata senza permesso. “

L’Ecuador in precedenza aveva tagliato l’accesso a Internet di Assange a causa delle sue continue attività politiche e il governo del paese aveva continuamente sollevato preoccupazioni riguardo ai collegamenti a Wikileaks.

Ma mentre Moreno ha citato una serie di problemi che hanno portato alla fine del manicomio di Assange, il piccolo paese sudamericano ha resistito a questi problemi per anni.

Moreno ha detto che l’affermazione di Assange di essere stato spiato in custodia dell’Ecuador equivale a minacciare il governo, e che ha logorato il problema “ereditato” della permanenza di Assange, iniziato durante il mandato del suo predecessore.

“Due giorni fa, Wikileaks, l’organizzazione alleata di Mr. Assange, ha minacciato il governo dell’Ecuador”, ha detto il presidente.

Inoltre , il governo ecuadoriano ha presentato denunce contro il gruppo per aver promosso le falle e Moreno ha anche affermato che Assange ha violato i termini del suo asilo.

Combinando, i due numeri delle accuse di spionaggio di Assange e la discarica di documenti contro Moreno sembrano le cannucce che hanno fatto traboccare il vaso e hanno messo fine a una responsabilità di sette anni per il piccolo paese.

Le storie sulle abitudini di Assange che vivono nell’ambasciata sono circolate per anni e la risposta ecuadoriana al suo comportamento ha persino promosso una battaglia legale tra il fondatore di Wikileaks e i suoi ospiti.

Assange è stato nuovamente arrestato giovedì su richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti. Il Dipartimento di Giustizia ha accusato il fondatore di Wikileaks di cospirare per hackerare un computer governativo.

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Sofia Bianchi

Sofia Bianchi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *