“È bello essere ricchi”: incontrare il banchiere di Goldman Sachs che ha costruito un impero privato di investimenti che va di pari passo con Blackstone – e probabilmente non l'hai mai sentito nomina

Lo champagne scorreva nel febbraio 2018 quando Rich Friedman, executive di Goldman Sachs, accolse un centinaio di ospiti nella Rainbow Room. Il punto di riferimento di Manhattan, inaugurato nel 1934, offre un menu con carne di manzo Wellington e Alaska al forno e serve un brunch di $ 162. Affacciato su Manhattan dal 65 ° piano del Rockefeller Center, gli ospiti hanno ballato e chiacchierato mentre Stevie Wonder suonava il piano.

In superficie, l’evento è stato una celebrazione del sessantesimo compleanno di Friedman. Ma potrebbe facilmente essere stata una celebrazione di una carriera di Goldman Sachs che entra nei suoi anni d’oro. Il recente ritiro dell’amministratore delegato Lloyd Blankfein ha reso Friedman il socio di lunga data di Goldman.

Dal 1991, Friedman ha costruito le attività di investimento privato della banca in una vasta gamma di fondi che hanno investito oltre 180 miliardi di dollari in beni immobili e infrastrutture, private equity e mercati del credito che spesso competono con aziende di investimento più vistose come Blackstone, Carlyle e KKR.

Sebbene i sostenitori lo abbiano messo nel pantheon dei grandi successori, Friedman non ha goduto dello stesso riconoscimento di uomini con nomi come Schwarzman, Kravis e Rubenstein. Questo è in base alla progettazione, in base alle interviste a una dozzina di colleghi, clienti e concorrenti attuali e precedenti.

“Rich è un ragazzo molto fiducioso”, ha detto Blankfein, che considera Friedman un amico. “È molto a suo agio con il suo profilo basso rispetto alla sua esibizione, non tutti sono così, ma il suo istinto è fermo per primo.

Confronta la sua festa, ad esempio, con quella dell’anno precedente: la festa per il 70 ° compleanno del CEO di Blackstone, Stephen Schwarzman, che costava 20 milioni di dollari, incluse le apparizioni del musicista Gwen Stefani e della stilista Donatella Versace e scritta sulla stampa.

Vedi anche: Goldman Sachs sta esplorando piani per creare un Netflix per i dati, e segna una nuova frontiera per Wall Street

Friedman potrebbe essere il più influente e meno conosciuto banchiere Goldman della sua generazione – un uomo che si accontenta di rimanere in disparte, nonostante un record di strategie che hanno messo ripetutamente la sua azienda su una base più solida. Prendendo spunto dai leader Goldman come Stephen Friedman e Hank Paulson, ha creato un’unità coesa all’interno della più grande impresa, ha aiutato a guidare Goldman intorno a un gran numero di regolamenti e gli ha dato la possibilità di andare oltre le radici di Wall Street.

La preferenza di Rich Friedman per la privacy potrebbe presto essere testata. Il CEO David Solomon vuole sollevare il velo sull’opaca attività di investimento alternativo dell’azienda, che comprende l’unità di Friedman, per rendere più facile per gli analisti e gli investitori valutare, secondo le persone che hanno familiarità con il suo pensiero. Secondo gli analisti di Bernstein, il 43% del fondo spese per l’industria della gestione patrimoniale è alternativo. La maggior parte di questo è nei mercati privati, dove si sta verificando sempre più investimenti attivi a livello mondiale.

Alla riunione annuale dei partner Goldman di gennaio, Solomon ha mostrato una diapositiva PowerPoint con i multipli assegnati agli affari di Blackstone e ha accatastato il rapporto molto più basso di Goldman accanto ad esso.

I cambiamenti di Salomone possono conferire a Friedman un mandato più ampio o accelerare il suo ritiro. Il gruppo di situazioni speciali, una squadra SWAT di investitori della divisione titoli, potrebbe iniziare a prelevare denaro dall’esterno e ad entrare con le truppe di Friedman, secondo il Wall Street Journal. Il capo di quell’impresa, Julian Salisbury, è candidato a dirigere l’unità, così come i luogotenenti di Friedman Tom Connolly, Sumit Rajpal e Andrew Wolff se Friedman si ritira o Solomon vuole un dirigente più giovane in carica, ha detto una delle persone.

In ogni caso, la sua carriera di quasi 40 anni sarà messa in netto contrasto.

Dalla stella del basket a “ragazzo meraviglia”

Cresciuto nel quartiere Riverdale del Bronx, New York, con un padre che lavorava nel settore dell’abbigliamento, Friedman ha trascorso la sua giovinezza giocando a basket e giochi di carte e andando al vicino circuito. Dopo la scuola superiore arrivò la Brown University, dove Friedman giocava come playmaker per la squadra di pallacanestro della Ivy League. Una foto nel suo ufficio che si affaccia sul porto di New York lo mostra in una recente partita di alunni con un tiro da tre punti, piedi da terra, palla in mano.

Dopo Brown, Friedman ha frequentato la business school dell’Università di Chicago dietro consiglio di suo fratello. Solo dopo che un professore di finanza ha iniziato a parlare di come le probabilità cambiano in pista, Friedman si è svegliato. Si è unito a Goldman dopo la laurea, nel 1981.

Vedi anche: Goldman Sachs sta rottamando un’app di posta elettronica su homegrown che una volta ha reclamizzato – ed è un segno che la banca si sta allontanando dalla tecnologia di costruzione in casa

Quando arrivò Friedman, gli investimenti in private equity stavano appena iniziando a catturare l’attenzione del mondo. I razziatori delle imprese si rivolgevano sempre più ai mercati delle obbligazioni spazzatura sviluppati da Drexel Burnham Lambert (vecchio datore di lavoro di Solomon) per finanziare l’acquisto di società, scaricandoli dopo che le borse azionarie aumentavano le valutazioni.

Non era immediatamente ovvio che una banca d’investimento con clienti di private equity avrebbe voluto competere direttamente con quei clienti, ma Goldman iniziò a rafforzarsi. Alzò il suo primo fondo di buyout nel 1986, mentre Friedman stava facendo la spola tra uno stint in privato finanziare e gestire il primo gruppo bancario-mediatore d’investimento di Goldman. Un veicolo per il debito in sofferenza in anticipo, il fondo di recupero aziendale di Water Street, fece arrabbiare i clienti aziendali blue-chip e condusse tre dirigenti, incluso il mentore di Friedman, Fred Eckert, a partire.

Stephen Friedman e Robert Rubin, co-presidenti di Goldman all’epoca, configurarono una nuova area di investimenti principali che avrebbe investito dollari aziendali e fondi dei dipendenti insieme al denaro dei clienti, trasformandosi in un partner tranquillo per gestirlo. In Rich Friedman hanno scelto un dirigente che un collega descrive ancora come un nerd: facile con i numeri, ma un po ‘fuori dalla sua profondità come manager. Ciò che molti hanno erroneamente interpretato come indifferenza – o peggio, arroganza – deriva da una naturale timidezza, ha affermato la persona.

“È stato visto come un ragazzo prodigio”, ha detto un ex collega. “Anche a quei tempi, i 33enni non venivano scelti per gestire le divisioni”.

Nessun ‘pazzo e selvaggio’

Stephen Friedman e Rubin non stavano chiedendo di avviare un ramo di private equity separato dalla banca d’investimento, ma un’unità che ha lavorato di pari passo per trovare investimenti. Il modello continua a sfidare le norme di Wall Street, in cui i banchieri d’investimento custodiscono da vicino il loro ruolo di consiglieri non convenuti. Per farlo funzionare a Goldman, avevano bisogno di un manager accorto per bilanciare gli interessi in competizione.

“Non siamo mai stati alla ricerca di persone pazze e selvagge”, ha detto Stephen Friedman. “Era commerciale, e pensavamo che potesse gestire bene il business.”

Rich Friedman ha lavorato duramente per smussare qualsiasi frizione tra i banchieri ei suoi professionisti degli investimenti, hanno detto ex colleghi. A volte ciò significava concedere ai banchieri più spesso di quanto piacessero alcuni colleghi. Altre volte significava dire no agli investimenti che non avevano senso. Hank Paulson, che diventerà CEO, è emerso come uno dei primi sostenitori.

“Ho appena deciso all’inizio che in ogni fase del nostro modo di sbagliare dal punto di costruire questo profondamente, profondamente nell’azienda”, ha detto Rich Friedman in un’intervista dal suo ufficio al 28 ° piano nel quartier generale di Goldman, nella sua caratteristica stile.

Altri dettagli dell’ufficio, che alcuni considerano più belli di quelli di Blankfein, includono un piccolo putting green, una foto aerea della casa di vacanza di Friedman a Bridgehampton, New York, e un dipinto puntinista con le parole “no” e “go”, che scherza suggerisce è usato per regolare le decisioni di investimento.

Vedi anche: la grande scommessa di Goldman Sachs sul futuro di Wall Street ha avuto un inizio roccioso. Ecco la storia interna della lotta della banca per far crescere la sua prossima attività e uno sguardo esclusivo ai suoi piani.

Un esempio mostra come può funzionare. Circa 12 anni fa, il miliardario Thomas Pritzker selezionò i banchieri d’investimento di Goldman per spillare investitori per la sua catena di hotel Hyatt. Quando un investitore si ritirò, la banca mercantile di Goldman aumentò. In seguito Friedman sarebbe entrato a far parte del consiglio di amministrazione di Hyatt, dove è diventato un consulente di fiducia, ha detto Pritzker in un’intervista.

“Hanno iniziato come agenti, e poiché avevano una capacità principale, sono stati in grado di risolvere un problema per me”, ha detto Pritzker. “In alcuni ambienti, il conflitto è un peccato originale: non lo vedo in questo modo, purché tu sia trasparente”.

I conflitti tra i mandati di investimento di Goldman e quelli dell’investimento bancario sono saltuariamente saltati fuori, come quando l’impresa consigliò El Paso nella sua vendita a Kinder Morgan, l’operatore oleodotto in cui possedeva una quota del 19%. Gli azionisti hanno fatto causa e un giudice Delaware ha fatto cadere la banca per non aver fatto altro per rivelare la relazione.

‘Un santo s — momento’

Friedman era in anticipo per vedere il valore della gestione delle attività di private equity in parallelo con un business del debito, ha dichiarato Tom Connolly, a capo del ramo di credito privato di Goldman. Mentre la banca analizza migliaia di investimenti ogni anno, non tutti fanno buoni investimenti azionari, quindi utilizzare alcune di queste analisi per gli investimenti di debito ha senso. Le aziende sono così intrecciate che un singolo comitato di investimento esamina le operazioni su titoli azionari e debiti.

La banca ha introdotto un fondo mezzanino nel 1996, ha aggiunto fondi infrastrutturali e nel 2008 ha raccolto un fondo per il prestito diretto che ha aperto la strada a un aumento di interesse da parte di altri negozi di private equity. Un settimo fondo mezzanino ha raccolto $ 13,3 miliardi l’anno scorso, parte di oltre $ 45 miliardi raccolti nei due anni fino a dicembre. Quel mese, quando i mercati del credito di Wall Street svanirono, Goldman intervenne e prestò più di $ 3 miliardi. La società ha inviato oltre 1 miliardo di dollari a Carlyle per l’acquisto di StandardAero.

“Ricordo quando uscirono con un fondo per prestiti senior”, disse Blankfein, “ho detto, ‘Prestiti senior, davvero?’ E la sua risposta è che voleva avere qualcosa in ogni parte della struttura del capitale “.

Vedi anche: Goldman Sachs sta valutando la possibilità di scuotere le sue unità di investimento alternativo come parte di un piano per semplificare la strategia della banca

Sebbene i dirigenti non lo sapessero all’epoca, l’attività creditizia diede a Goldman la zavorra per superare una minaccia esistenziale. Nel gennaio 2010, l’amministrazione Obama ha introdotto la regola Volcker, che ha posto un limite del 3% sulla quantità di denaro che le banche potrebbero investire in fondi azionari privati. Fino ad allora, Goldman contribuiva in genere dal 30% al 35% del capitale di ciascun fondo.

Friedman ricorda vividamente il momento: era il compleanno di suo fratello, ed era programmato per volare alle Bahamas. Un gruppo di persone si era riunito nel suo ufficio per vedere il discorso di Obama. “È stato un momento sacro”, ha detto.

Alcune banche si sono trasferite rapidamente a gettare le loro attività. Gli analisti iniziarono una sorveglianza trimestrale su cui le banche stavano ritirando i loro soldi dai fondi. Friedman ha iniziato a pensare ai modi per adattarsi.

Entro settembre 2012, Friedman ha dichiarato che non avrebbe alzato un altro fondo di private equity fino a quando le regole non fossero chiare. Ha completato l’investimento di Capital Partners VI, il più grande nel suo genere quando ha raccolto $ 20 miliardi nel 2007.

L’idea che ha inventato – investire in piccoli affari dal bilancio e poi sindacare le partecipazioni ai partner scelti – è considerata intelligente perché ha mantenuto Goldman nel gioco. Ma Friedman presto si rese conto che non era una soluzione a lungo termine. Ha eliminato uno strumento per pagare le persone come una parte dei rendimenti del fondo e ha lasciato molti clienti impossibilitati a investire.

Così Friedman ha rispettato le regole, che colpiscono gli investimenti azionari più pesanti delle attività di debito o di prestito. La banca mercantile ha ora più risorse in gestione nel credito privato – 40 miliardi di dollari – di quanto non faccia nel private equity. La banca ha rifiutato di fornire cifre precise. Goldman è ora l’investitore n. 1 del debito privato, secondo Private Equity International. La classifica esclude la gestione dei veicoli di prestito cartolarizzati e delle slot Goldman sopra Blackstone e la sua unità GSO Capital.

Lungo la strada, è riuscito a creare uno spirito di corpo all’interno della più grande impresa. Quando un collega moriva di cancro, i dipendenti delle banche mercantili vegliavano quasi tutte le sere al suo capezzale. Più di 50 hanno partecipato al suo funerale.

“È bello essere ricchi”

Intorno a Goldman, c’è un detto che “è bello essere ricchi”. L’uomo ha un’abbronzatura costante, ha case sulla Fifth Avenue, a Palm Beach e negli Hamptons e raramente viaggia molto per lavoro. L’insider indovina la sua gamma di ricchezza selvaggiamente, da $ 500 milioni a più di Blankfein. Friedman ha ricevuto circa $ 150 milioni nell’offerta pubblica iniziale di Goldman del 1999, la stessa di Blankfein e più di Gary Cohn, l’ex presidente di Goldman, che ha incassato quasi $ 300 milioni quando si è unito alla Casa Bianca nel 2017.

Ha rifiutato di commentare la sua ricchezza.

Nel 2017, Friedman ha donato 24 milioni di dollari a Brown per rinnovare un edificio costruito nel 1891 che si trova nel campo principale del college. Più tardi quest’anno, sarà nominato co-presidente – insieme a un amico intimo, Jim Tisch di Loews Corp – del Monte Sinai, dove è servito nel consiglio di amministrazione dal 2001. Nel 2010, ha donato $ 20 milioni all’operatore dell’ospedale per creare il Friedman Brain Institute.

Più di ogni altra cosa, il segreto di Friedman è uno che non tiene per sé: investe i suoi soldi nei fondi dell’azienda. I partner e gli amministratori delegati possono investire in una serie di fondi noti come Stonebridge (una combinazione di veicoli separati per partner e MD precedentemente noti come Bridge Street e Stone Street) e direttamente a fianco dei fondi dei clienti. Quando i vicepresidenti arrivano agli amministratori delegati, Friedman li accoglie con un discorso appassionato che li implora di investire al suo fianco, secondo le persone che hanno assistito.

“Ha un sacco di soldi per i partner”, ha detto uno. “Tutti noi lo radichiamo e abbiamo molta fiducia nel business”.

I critici borbottano quando pensano che Friedman avrebbe dovuto spingere per un bonus pool più grande, o salito su un aereo per visitare un amministratore delegato di una compagnia di portafoglio remota, o aver visitato il Medio Oriente raccogliendo denaro. Altri pensano che sia rimasto troppo a lungo nella cultura up-or-out di Goldman intesa a lasciare il posto a nuovi talenti. L’industria degli acquisti è cosparsa di ex dirigenti di merchant-banking, tra cui Gerry Cardinale, Henry Cornell e Barry Volpert, che hanno cercato fortuna altrove piuttosto che aspettarlo.

“Potrebbe farlo domani”

Il suo record non è perfetto. Un investimento iniziale in AMF Bowling, un centro di bowling e un produttore di attrezzature, fraintese la domanda dei consumatori asiatici; la compagnia andò in bancarotta con Friedman come presidente. Un investimento nel fornitore di servizi pubblici Texas TXU ha raggiunto l’apice del boom di buyout nel 2007 con KKR e TPG Capital – un comunicato stampa cita Friedman – è ancora uno dei peggiori del settore.

La tecnologia è stata un punto dolente, con Goldman che ha subito gravi perdite nel crash di Internet. Spaventato dall’esperienza, il comitato di investimento di Friedman è diventato ombroso e ha forzato la vendita di una quota del 33% in Alibaba, secondo il libro di Duncan Clark “Alibaba: The House that Jack Ma Built.” Secondo alcune stime, la quota di $ 3,3 milioni sarebbe valsa quasi $ 9 miliardi nell’offerta pubblica 2014 dell’azienda. Goldman contesta l’account e afferma che la sua partecipazione non è mai stata superiore al 13%.

Eppure è l’idea di Friedman sulla finanza digitale che ha dato a Goldman la sua prima nuova attività da anni. Chiesto di venire a un 2014 fuori sede a casa di Cohn’s Hamptons con le idee su come l’azienda potrebbe crescere, Friedman si è seduto con Sumit Rajpal, un tenente di primo piano, e ha sparato per la luna. La loro idea, i prestiti al consumo non garantiti, è stata ricevuta calorosamente, e ha scritto un business plan, presentato al consiglio di amministrazione, e assunto il suo primo leader. Ora noto come Marcus, l’azienda ha fatto più di $ 5 miliardi di prestiti e ha attirato oltre $ 35 miliardi di depositi.

“Pensavo che la maggior parte della gente sarebbe andata là fuori e avrebbe parlato di correre più veloce e saltare più in alto e di essere Goldman Sach in più punti”, ha detto Friedman. “Volevo pensare a cosa potesse fare Goldman Sachs che potesse essere davvero trasformativo.”

Leggi anche: la partnership di Goldman Sachs con Apple potrebbe fare un passo avanti verso l’essere “una banca in tasca”

Altre vittorie includono TransUnion, dove Goldman ha incassato oltre $ 2,8 miliardi sul suo investimento. Un investimento del 2005 in Universal Studios Japan ha prodotto un rendimento di oltre 15 volte il capitale investito, mentre un investimento effettuato cinque anni prima nella rete YES ha prodotto un tasso di rendimento interno del 28%. Il primo fondo di prestito senior ha erogato un IRR al netto di commissioni comprese tra il 17% e il 21%.

I rendimenti come quelli hanno contribuito a margini operativi superiori al 50% e hanno dato a Goldman una spinta necessaria quando le altre parti dell’azienda, come il trading obbligazionario, hanno faticato. Negli ultimi tre anni, il segmento investing-and-lending in cui la maggior parte dei risultati risulta ha fruttato 10 miliardi di dollari di guadagni, pari a quasi il 30% del totale dell’azienda.

“Se Rich voleva tagliare un profilo molto più grande nel mondo, potrebbe”, ha detto Connolly. “Potrebbe farlo domani.”

Solomon potrebbe chiedergli di fare proprio questo.

Fonte immagine: %% image_source_website %% (%% image_source_url %%)

Sofia Bianchi

Sofia Bianchi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *