Download di TikTok bannati su iOS e Android in India per il porno e altri contenuti illegali

Tic toc, l’app di condivisione video generata dall’utente dall’editore cinese Bytedance, che ha riscosso un successo globale, è inciampata in uno dei mercati mobili più grandi del mondo, l’India, rispetto a contenuti illeciti nella sua app.

Oggi, il principale regolatore delle comunicazioni digitali del paese, il Ministero dell’Elettronica e dell’Information Technology, ha ordinato a Apple e Google di rimuovere l’app dai suoi app store, su richiesta dell’High Court di Madras dopo che quest’ultima ha indagato e determinato che l’app – che ha centinaia di milioni di utenti, compresi i minori – stava incoraggiando la pornografia e altri contenuti illeciti.

Questa è la seconda volta in due mesi che il contenuto di TikTok è stato appannato dai regolatori, dopo che l’app è stata multata $ 5,7 milioni dalla FTC negli Stati Uniti per violazione delle politiche di protezione dei minori.

L’ordine in India non ha alcun impatto sui 120 milioni di utenti nel Paese che hanno già scaricato l’app o su Android che potrebbero scaricarlo da una fonte esterna allo store ufficiale di Google Android. Ma è un colpo forte contro TikTok che impedirà la sua crescita, danneggerà la sua reputazione e potenzialmente aprirà la strada a ulteriori sanzioni o multe contro l’app in India (e altrove prendendo il comando dell’India).

TikTok ha emesso non meno di tre dichiarazioni diverse, ciascuna successivamente meno aggressiva, mentre si sforza di rispondere all’ordine.

“Accogliamo con favore la decisione dell’Alta corte di Madras di nominare Arvind Datar Amicus Curae (consulente legale indipendente) in tribunale”, si legge nella dichiarazione di TikTok. “Abbiamo fiducia nel sistema giudiziario indiano e siamo ottimisti su un risultato che sarebbe ben accolto da oltre 120 milioni di utenti attivi mensilmente in India, che continuano a utilizzare TikTok per mostrare la loro creatività e catturare i momenti che contano nella loro vita quotidiana.”

(Una versione precedente della dichiarazione di TikTok era meno “accogliente” della decisione e invece ha evidenziato come TikTok stava compiendo maggiori sforzi per controllare il suo contenuto senza coinvolgimento esterno. Ha notato che aveva rimosso più di 6 milioni di video che violavano i suoi termini di uso e linee guida della community, in seguito a una revisione dei contenuti generati dagli utenti in India, che da solo parla delle dimensioni effettive del problema).

Oltre a proibire il download, l’Alta Corte ha anche ordinato al regolatore di impedire alle società di media di trasmettere qualsiasi video, illecito o altro, realizzato o pubblicato su TikTok. Bytedance ha lavorato per tentare di appellarsi agli ordini, ma la Corte Suprema, dove è stato ascoltato l’appello, lo ha confermato.

Questa non è la prima volta che TikTok ha affrontato la reazione del governo sul contenuto che ospita sulla sua piattaforma. Negli Stati Uniti, due mesi fa, la Federal Trade Commission ha stabilito che l’app ha violato le leggi sulla privacy dei bambini e l’ha multata $ 5,7 milioni e, tramite un’app forzata aggiornata, ha richiesto a tutti gli utenti di verificare che fossero più di 13 o di essere reindirizzati a esperienza più limitata. Musicalmente, il predecessore di TikTok, aveva anche affrontato violazioni normative simili.

Più in generale i problemi che TikTok sta affrontando in questo momento non sono quelli non familiari. Le app dei social media, basandosi sui contenuti generati dagli utenti come motore della loro crescita e del carburante per quel motore, sono state a lungo problematiche quando si tratta di contenuti illeciti. Le aziende che creano e gestiscono queste app hanno sostenuto di non essere responsabili di ciò che le persone producono sulla piattaforma, purché rientrino nei suoi termini di utilizzo, ma ciò ha lasciato un ampio spazio in cui il contenuto non è regolamentato

LEGGI DI PIÙ…

Fonte immagine: %% image_source_website %% (%% image_source_url %%)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *