Dopo anni di protezione, l'Ecuador sospende la cittadinanza di Assang

QUITO (Reuters) – L’Ecuador ha sospeso la cittadinanza di Julian Assange e ha accusato lui e membri del suo gruppo WikiLeaks di collaborare a tentativi di destabilizzazione del governo della nazione andina, dopo anni di offerte di rifugio.

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è stato visto dopo essere stato arrestato dalla polizia britannica, fuori dalla Westminster Magistrates Court di Londra, in Gran Bretagna l’11 aprile 2019. REUTERS / Peter Nicholls

Un assange barbuto e fragile Assange è stato arrestato ieri dalla polizia britannica dopo che l’Ecuador ha chiuso il suo asilo presso l’ambasciata di Londra, dove aveva vissuto dal 2012 per evitare l’estradizione in Svezia per un’inchiesta sulle aggressioni sessuali.

La cittadinanza ecuadoregna di Assange è stata sospesa mercoledì, ha riferito ai giornalisti il ​​ministro degli Esteri Jose Valencia.

Per alcuni, Assange, nato in Australia, è un eroe per aver esposto i sostenitori del cast come abuso di potere e per aver difeso la libertà di parola. Per gli altri, è una figura pericolosa che ha minato la sicurezza degli Stati Uniti e ha troppi legami con la Russia.

WikiLeaks ha irritato Washington pubblicando centinaia di migliaia di cavi diplomatici segreti degli Stati Uniti che hanno messo a nudo spesso valutazioni statunitensi di leader mondiali molto critici, dal presidente russo Vladimir Putin ai membri della famiglia reale saudita.

L’avvocato di Assange a Quito, Carlos Poveda, ha detto ai giornalisti che l’asilo è stato interrotto per rappresaglia per accuse di corruzione contro Moreno e che la sua vita sarà in pericolo se verrà estradato negli Stati Uniti.

Assange è stato offerto rifugio nel 2012 dall’allora presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, ma il suo rapporto con l’Ecuador si è inasprito dal successore di Correa, Lenin Moreno, che ha affermato che Assange ha violato i termini del suo asilo.

Moreno era arrabbiato per le fotografie private di anni di lui e della sua famiglia scattate quando vivevano in Europa, diffuse sui social media. Il suo governo ha detto che credeva che le foto fossero condivise da Wikileaks.

Assange e WikiLeaks sono intervenuti negli affari ecuadoriani e le persone a lui vicine, tra cui due hacker russi, vivono in Ecuador, ha detto ai giornalisti a Quito il ministro dell’Interno Maria Paula Romo.

“Le interferenze in materia di altri stati includono anche l’interferenza di Assange e della sua organizzazione alleata in questioni politiche interne in Ecuador”, ha detto Romo.

La terza persona che vive in Ecuador è un membro di alto livello di WikiLeaks ed è collegata all’ex ministro degli esteri ecuadoriano Ricardo Patino, che stava servendo sotto Correa quando Assange ricevette asilo, ha detto Romo.

“Abbiamo la prova che hanno collaborato a tentativi di destabilizzazione del governo e che lavorano a stretto contatto e hanno viaggiato con Ricardo Patino”, ha detto Romo.

Patino ha viaggiato con la persona in Perù, Spagna e Venezuela, ha detto.

Patino ha negato le accuse.

Romo “ha appena inventato una storia su una presunta relazione con gli hacker russi”, ha detto Patino su Twitter. “L’unica cosa rimasta è che lei dicesse dove abbiamo lasciato Cappuccetto Rosso e Bella Addormentata.”

Segnalazione di Alexandra Valencia; Scritto da Julia Symmes Cobb; Montaggio di Helen Murphy, Bill Rigby e Alistair Bell

Fonte immagine: https://www.pexels.com/ (https://www.pexels.com/photo/silhouette-photo-of-standing-man-holding-camera-looking-at-fireworks-display-1748652/ )

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *