Checco Zalone e Nabiha Akkari

“Che bella giornata”: Checco Zalone fa di nuovo centro

fa di nuovo centro. Dopo “Cado dalle nubi”, il film “” lo vede interpretare un aspirante carabiniere (ma non in possesso dei requisiti) che finisce a fare la guardia presso il Duomo di Milano, dove la giovane islamica Farah (la giovane e bella ) lo abbindola per cercare di far esplodere il monumento.

Zalone è memorabile. Lui e il suo regista non mischiano orrori e volgarità, ma utilizzano una forma di comicità all’Antonio Albanese. Si presenta come uno stupidone ingenuo, con dentro di sé la forza della Puglia che gli dà i natali. E della Puglia prende il meglio e il peggio: attaccamento alla famiglia e nepotismo, senso dell’ospitalità e mentalità mafiosa.

Checco Zalone con la sua comicità, non dimostra di essere solo un , ma un’artista che sembra cavalcare il periodo molto meglio di alcuni suoi colleghi. Ed è, in questo inizio d’anno, primo vincitore al .

Redazione YouFOCUS.TV




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *