Chasing Edison: incontra l'inventore più prolifico del Canada (probabilmente) che vede le idee ovunqu

Wayne Conrad con una delle sue invenzioni. Peter J. Thompson / National Post

HAMPTON, INIZIO. – Garry Burns ha un sorriso a trentadue denti, un modo semplice e una serie di storie che potrebbe raccontare a un ascoltatore di Wayne Conrad, suo amico d’infanzia e attuale datore di lavoro presso Omachron Group, un gruppo di ricerca e sviluppo situato in un piccolo villaggio a 75 minuti a nord-est di Toronto .

Ma sceglierne solo uno non è facile, dice Burns, dal momento che Conrad non è come nessun altro che conosca. Conrad, aggiunge, certamente non era come gli altri studenti dell’Anderson Collegiate Vocational Institute di Whitby, Ontario, che stavano battendo la testa contro il muro per mantenere i C-plus negli anni ’70 mentre non facevano un sacco di pensieri su cosa potrebbero fare quando sono cresciuti.

Conrad pensava sempre.

“Wayne era lo stesso scienziato pazzo di allora che è oggi”, ha detto Burns. “Se volessimo sapere qualcosa, beh, non avevamo Google, ma avevamo Wayne. Potremmo chiedergli qualunque cosa e lui avrebbe una risposta, e non posso davvero ricordarmi che ha sbagliato. ”

Burns è seduto in una sala conferenze nel seminterrato della villa in pietra di Conrad, una casa di famiglia a Hampton che funge anche da quartier generale di laboratorio / affari, che è oscurata dalla strada da un imponente muro di pietra, una fila di abeti maturi e una chiusa cancello di sicurezza.

Poco oltre la sala conferenze c’è un acquario lungo un muro, e poco oltre c’è una porta chiusa a chiave che porta a un alveare di officine a temperatura controllata dove uno degli inventori più prolifici, indipendenti e quasi del tutto sconosciuti del Canada si allontana con uno staff di ingegneri, produttori di utensili, tecnici e altri tipi a portata di mano su una serie di gadget elettromeccanici.

Il loro creatore non può parlare dei lavori in corso, almeno non pubblicamente dal momento che non sono ancora stati brevettati, ma in un momento di eccitabile candore lascia intendere che “Il futuro degli aspirapolveri viene fatto qui proprio ora. “Se è così, aiuterà solo Conrad a raggiungere l’ambizione della sua vita: superare il totale dei brevetti di Thomas Edison prima che sia finito.

In teoria, Conrad ha iniziato abbastanza presto a tirare fuori un’impresa del genere. Aveva 15 anni quando fondò la sua compagnia e attualmente ha quasi 600 brevetti, se si contano quelli ancora in attesa di approvazione. In confronto, Edison, la Babe Ruth di inventori che hanno dato all’umanità la macchina da presa cinematografica, il fonografo e il lampadario elettrico, ha inciso 1.093 brevetti.

Wayne Conrad ha quasi 600 brevetti per il suo nome. Peter J. Thompson / National Post

“Nel corso degli anni, il record (Edison) diventa un po ‘meno importante”, ha detto il 55enne. “Ciò che ottieni e ciò che fai per aiutare le persone diventa più importante, ma potrei comunque arrivarci”.

Come Edison, Conrad è un tuttofare di tutte le creazioni. Il gadget di oggi potrebbe essere aspirapolvere: le sue innovazioni hanno contribuito a trasformare il produttore di appliance di Boston, SharkNinja Operating LLC, in un player globale da oltre un miliardo di dollari – ma il gizmo di domani potrebbe essere chissà cosa.

Oltre a tutte le idee legate al vuoto, il portafoglio brevetti di Conrad include un sistema di trattamento delle acque spaziali adottato dalla NASA per la Stazione Spaziale Internazionale, generatori di ozono, condizionatori d’aria per automobili, sistemi a impulsi, separatori di particelle cicloniche, miscelatori a vortice, estrusori in plastica di dimensioni diverse, una moto d’acqua personale portatile e persino un barbecue al coperto.

È l’eclettismo di Conrad che in parte lo distingue dal tuo inventore super ubriacone con i tre PhD che si concentrano su un angolo minuscolo dell’universo dell’innovazione. Conrad – che ha lasciato l’Università di Toronto a corto di diplomati – vede idee ovunque, anche in cucina, dove il pensiero di cucinare all’aperto in un’amara notte invernale ha ispirato il barbecue sopra menzionato.

“Ho lavorato con molti inventori, ma Wayne è in una categoria diversa. È davvero unico, in cui la sua conoscenza di diversi settori e tecnologie è così ampia che è in grado di scegliere tra diverse aree, quasi come un buffet, e mettere insieme le cose con idee diverse “, ha detto il presidente di Omachron, Alan Millman.

“Ciò che otterrete con molte persone è una grande profondità di conoscenza, ma è strettamente focalizzato, il che porta all’innovazione incrementale. Ma con Wayne hai questa ampiezza di conoscenza, e questo può portare a pensare fuori dagli schemi. E in realtà ha un buon senso degli affari. ”

Prima di incontrare il fondatore di SharkNinja, Mark Rosenzweig, originario di Montreal, e Conrad, la terza generazione della sua famiglia, entrò nel gioco degli elettrodomestici.

Millman, Conrad e un altro contatto d’affari hanno guidato a Boston in una Dodge Durango per incontrarsi con Rosenzweig nel giugno 2005, ammazzando il tempo, durante il tragitto, discutendo di scienza, filosofia e eventi mondiali, fermandosi allo strano posto del cibo spazzatura. (Il tallone d’Achille di Conrad è un’incapacità di resistere alle patatine fritte di McDonald’s). L’incontro è stato programmato per un’ora con inizio alle 9:00. Le parti stavano ancora parlando alle 18:00

Il resto è storia di aspirapolvere.

“Wayne era molto intelligente, insolitamente intelligente”, ricorda Rosenzweig di quel primo incontro. “È stato un grande partner per anni, ma all’inizio era di fondamentale importanza. Stavamo vendendo aspirapolvere (a mano e bastone), ma non penso che fossero abbastanza buoni, e senza Wayne non penso che avremmo potuto portarli al livello che dovevano essere per iniziare a creare questo marchio Shark dove le persone ha davvero adorato i nostri vuoti verticali. ”

Pre-Conrad, le vendite annuali di SharkNinja si aggiravano intorno ai 300 milioni di dollari, secondo Rosenzweig, un numero che ha raggiunto circa 1,7 miliardi di dollari. (L’azienda privata ha anche ampliato la propria gamma di offerte di elettrodomestici nel tempo).

Alcune delle invenzioni fatte dal fondatore e capo scienziato di Omachron Wayne Conrad. Peter J. Thompson / National Post

“Quello che Wayne ha l’abilità di fare è sviluppare cose che non sono solo rilevanti in laboratorio, ma sono rilevanti per il consumatore”, ha detto Rosenzweig.

Il laboratorio è lo spazio creativo di Conrad, ma è al piano di sopra, al piano principale della sua casa, dove martella i dadi dei suoi affari, tenendo riunioni in una stanza che è una replica di un pub inglese.

Essere in una sala del consiglio può rendere le persone tese, ha detto. Sedersi al bar può far accadere le cose. Decorato con curiosità assortite, tra cui un pezzo di posta aerea incorniciato che il pioniere dell’aviazione statunitense Charles Lindbergh ha consegnato, oltre a un dipinto di un bombardiere Lancaster e un segno Pepsi Cola vintage, il pub irradia un’atmosfera accogliente, così come il suo proprietario.

Conrad potrebbe sembrare uno scienziato pazzo e tutto, ma sembra più un papà. Un papà di mezza età – con sei bambini – vestito con jeans da papà, una camicia color malva, e con occhi, occhiali, capelli tagliati a spazzola e una pancia da mezza età. A completare l’immagine della domesticità: lui e sua moglie, Nina, condividono la passione per i musical di Broadway.

La vita domestica interiore è l’opposto dell’atmosfera esteriore del nulla-vedere-qui-tu-ficcanaso che i progetti delle dimore. Caso in questione: la casa dei Corradi ha molte finestre. A metà pomeriggio, in una giornata di primavera moderatamente calda e soleggiata, i ciechi sono disegnati.

L’inventore sta nascondendo qualcosa?

“Sto nascondendo il fatto che sto risparmiando denaro”, disse Conrad ridendo, prima di lanciarsi in una spiegazione perfettamente non-cappa e spada per i ciechi abbassati. Il tipico valore di isolamento di una finestra è R-2 o, in altre parole, non molto buono. Semplicemente disegnando i bui aumenta il valore di R-5, che, per un inventore che vive e lavora in una villa di pietra, è sufficiente a tagliare le sue bollette energetiche a metà.

Wayne Conrad con suo padre, Helmut, che era un costruttore di aerei a De Havilland. Fornito dalla famiglia

La praticità è tra i molti tratti di Conrad. In effetti, non crea cose che non può vendere, o almeno cerca di vendere, il che è forse qualcosa che può ringraziare per i suoi genitori.

Ruth e Helmut Conrad erano immigrati tedeschi, il secondo un ex prigioniero di guerra. La coppia arrivò in Canada con pochissimo e adottò Wayne. C’è una foto di famiglia di Wayne, il tot, che cuoce i biscotti di Natale con Helmut. Un’altra immagine lo mostra all’altezza del ginocchio, brandendo una piccola sega a mano e lavorando con suo padre – un costruttore di aerei a De Havilland – in un progetto di costruzione sul retro.

“Il padre di Wayne era il sale della Terra”, ha detto Garry Burns. “Wayne era un ragazzino con energia infinita, il coniglio Energizer, ma con gli steroidi. Helmut aveva questo ragazzo senza confini e cercava costantemente di far entrare Wayne in cose nuove. Ma trovare nuove cose è diventato più complicato man mano che Wayne invecchia. ”

Corrado aveva 11 anni quando lui e suo padre restaurarono un aliante del 1929. (Ha portato sua madre a fare un giro con lui qualche anno dopo). A 13 anni, ha battuto la propria creatività, vincendo la Canada Wide Science Fair del 1976 per un progetto di auto ad energia solare.

La macchina attirò l’attenzione di Arthur Moore, professore emerito all’Università del Michigan, e un esperto di elettrostatica di fama mondiale. Moore invitò Conrad ad Ann Arbor, Michigan, dove sarebbe rimasto per giorni alla volta.

Wayne Conrad e suo padre nel laboratorio. Wayne ha iniziato la propria compagnia all’età di 15 anni. Fornito dalla famiglia

Un’altra destinazione frequente era Rochester, NY, sede della Xerox Corp. Robert Gundlach, un fisico e un inventore spesso indicato come il padre della fotocopiatrice moderna, aveva accumulato decine di brevetti. Come Moore, portò uno splendore al giovane canadese, aggiungendo il suo nome alla lista dei mentori di Conrad, una serie di influencer resi possibili, in parte, perché sua madre era disposta a guidare suo figlio dovunque andasse.

Il preside di Anderson CVI è stato felice di avere Wayne nel ruolo di prostituta, purché i suoi genitori stessero bene con l’accordo e si è presentato per gli esami e ha mantenuto una media.

“Mia madre non era una mamma dell’hockey, lei era la mamma inventore / uomo d’affari”, disse Conrad, mostrando evidente gioia nella memoria. “Ho avuto questa formazione ampia e diversificata, e penso davvero che sia la chiave per ogni giovane”.

Conrad emana ancora un senso di meraviglia infantile, un entusiasmo palpabile, mentre descrive le sue varie invenzioni, tra cui l’ultima: un estrusore di plastica, non più grande di una scrivania, che richiede una potenza minima ed è in grado di trasformare i rifiuti plastici post-consumo in plastica legno e rivestimenti.

Immaginate le possibilità, ha detto, per la produzione canadese su piccola scala: un’industria che non dovrebbe essere ospitata in strutture gigantesche con macchinari elefantiaci e costi energetici astronomici, ma potrebbe essere a corto di un garage o di un seminterrato e impiegare due, forse tre altre persone, creando posti di lavoro e una percezione che non tutto il mondo deve essere fatto in Cina.

La tecnologia potrebbe anche essere utile per un’economia insulare, come Haiti, un posto schiacciato impoverito tra i detriti di plastica e bisognoso di abitazioni economiche.

“Uno spreco è solo uno spreco se non lo stai usando”, ha detto Conrad.

Wayne Conrad nella biblioteca nella sua casa di Hampton, Ontario. Peter J. Thompson / National Post

Il desiderio di ridurre al minimo i rifiuti si applica agli accordi di vita di Conrad. La sua casa è il suo ufficio e il suo laboratorio. Se ha un’idea, per esempio, alle 4:30 del mattino, può farcela. Dovrebbe avere una svolta alle 8 di sera, può lavorare fino alle ore piccole, sapendo che il suo letto non è a un’ora di tragitto, ma poche rampe di scale.

Ma il tempo di Conrad, per quanto massimizzato, può essere alquanto elastico nella sua applicazione. Durante una recente intervista, l’inventore ha informato i suoi visitatori che aveva un “hard-stop” alle 15:30. Alle 15:15, sua moglie Nina appare nel pub per ricordare al marito la scadenza.

Alle 15:45, Conrad sta ancora parlando, anche se ora nella sua biblioteca / home cinema, una stanza con due livelli e 25.000 libri. Ha anche un inventario di 100.000 manufatti, primi progetti e prototipi di gadget che riflettono il valore di un’invenzione di 40 anni a cui può fare riferimento, quando è nel bisogno.

Alle 15:57, Conrad è tornato nel suo elemento, attraversando il laboratorio sotterraneo, fermandosi per mostrare un’altra invenzione di cui non può parlare, almeno non pubblicamente, in attesa di brevetto.

“Quando Wayne dice” Sarò di ritorno tra cinque minuti “, quello che sta veramente dicendo è che, nelle migliori circostanze, in un mondo ideale, tornerò tra cinque minuti – ma non contate su di esso “, Ha detto il presidente di Omachron, Alan Millman. “Succede ogni giorno qui intorno. È solo Wayne. ”

• Email: joconnor@nationalpost.com | Twitter: oconnorwrites

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Sofia Bianchi

Sofia Bianchi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *