Presunto killer Brindisi Morvillo-Falcone

Brindisi, attentato Morvillo-Falcone: fermato il presunto killer

[ADSENSE 1]
A 18 giorni dall’ alla Morvillo-Falcone di , l’uomo che ha ucciso Melissa Bassi e ferito altre 5 studentesse ha un nome: si chiama , 68 anni, titolare di un deposito di carburanti agricoli di Copertino, paese in provincia di Lecce. Nessuna pista mafiosa o terroristica, quindi.

Dopo 9 ore di interrogatorio l’uomo, sposato e con due figli, ha fatto le prime ammissioni su alcuni elementi : “Sì, quella bomba l’ho fatta io da solo. L’ho pensata e l’ho costruita”.

Il , per il momento, resta ancora da comprendere. Diverse le voci, nessuna delle quali ufficiale: si va dalla vendetta privata per debiti fino al risentimento verso il preside della scuola, Angelo Rampino.

O addirittura che alla base del gesto di Vantaggiato ci fosse una truffa subita da oltre 300mila euro. Vantaggiato si sarebbe sentito vittima di malagiustizia, poichè il processo era finito non condannando tutti gli imputati: la motivazione che potrebbe averlo spinto a prendere di mira la scuola probabilmente era voluta per evitare le misure di sicurezza davanti al palazzo di Giustizia.

Redazione YouFOCUS.TV
[ADSENSE 2]




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *