Bitcoin Mining Finalmente redditizio: questo dimostra che siamo in un mercato toro?

Qui.
Ottieni analisi esclusive e idee di investimento per attività future su Hacked.com. Unisciti alla community oggi e ricevi fino a $ 400 di sconto usando il codice: “CCN + Hacked”. Iscriviti qui.

CCN: Secondo Alex Krüger, economista e analista di mercati globali, il costo di pareggio per operazioni di estrazione di bitcoin efficienti al momento si aggira attorno ai $ 3,550.

Il breakpoint operativo dell’estrazione di bitcoin per operazioni di data mining efficienti attualmente si aggira attorno ai $ 3550. pic.twitter.com/gQrNYBcvLH

– Alex Krüger (@krugermacro) 21 aprile 2019

Tra i principali mercati della criptovaluta, il prezzo del bitcoin è di $ 5,265, che per i minatori presenta un profitto sostanziale per ogni blocco estratto considerando il prezzo di pareggio di $ 3,550 e il potenziale apprezzamento del bitcoin.

Significa l’inizio di un mercato toro Bitcoin?

Mentre l’analisi Krüger utilizza il tasso di elettricità a $ 0,055 per kWh, a seconda della regione in cui si trovano i minatori, la tariffa potrebbe variare.

Ad esempio, Krüger ha dichiarato che CoinGeek ha riportato un tasso di elettricità a 0,073 dollari per kWh a criptovalute a prova di lavoro (PoW) come bitcoin lo scorso dicembre, il che aumenterebbe il costo di breakout del bitcoin mining.

“CoinGeek sta negoziando per vendere i suoi minatori (62k unità con 960k TH / s) e altri beni (ad esempio http://coingeek.com) per $ 45,5 milioni. Il costo operativo dei minatori è di $ 0,073 / kWh, con un conseguente pareggio operativo di $ 3580 (supponendo che sia usato per estrarre BTC e non BSV) “, ha detto l’analista a dicembre.

Durante la seconda metà del 2018, in particolare negli ultimi mesi dell’anno, il costo di pareggio del bitcoin è sceso al di sotto del prezzo effettivo di BTC, portando i minatori a registrare perdite nette sulle loro operazioni.

Molti minatori hanno dovuto continuare a operare in tutto il mercato ribassista perché la maggior parte delle operazioni assicurano accordi energetici a lungo termine con i fornitori di energia elettrica, acquistano costose apparecchiature ASIC e ottengono leasing a lungo termine per operare su centri bitcoin su larga scala.

L’estrazione di bitcoin è stata ampiamente non redditizia nella seconda metà del 2018 a causa del calo dei prezzi del bitcoin. | Fonte: coinmarketcap.com)

Come ha detto Andreas Antonopoulos, un noto esperto di criptovalute e sicurezza, sulla teoria della “spirale della morte” secondo la quale il bitcoin potrebbe esistere se tutti i minatori lasciassero il protocollo, è difficile per i minatori rinunciare a tutte le loro operazioni dopo il loro impegno iniziale ad esso.

Antonopoulos ha detto:

“Parte del motivo che è improbabile che accada è che i minatori hanno una prospettiva molto più a lungo termine. Ciò significa che hanno già investito in attrezzature e di solito acquistano energia elettrica su piani a lungo termine, ma non pagano entro la settimana. E quindi, se devono aspettare per diventare redditizi per altri tre mesi e hanno l’equipaggiamento in posto, non lo spegneranno. ”

Come tale, molti minatori hanno continuato a proteggere e proteggere la rete di blockcoin Bitcoin attraverso l’estrazione mineraria attraverso il brutale mercato orso di 16 mesi.

Ora che il bitcoin mining è redditizio ancora una volta, supponendo che il prezzo del bitcoin non scenda al di sotto del valore di $ 4,000 nel breve termine, altri minatori potrebbero entrare nello spazio per estrarre la criptovaluta dominante prima del suo dimezzamento di premio programmato a maggio 2020 .

Quando viene eseguito un blocco a metà, la velocità con cui le nuove monete vengono prodotte dai minatori diminuisce, con conseguenti minori profitti per i minatori.

Ma, dato che il prezzo del bitcoin sale normalmente nel momento in cui si accumula un premio del blocco dimezzando perché riduce la potenziale offerta circolante di bitcoin sulle borse e su altri mercati, i minatori spesso finiscono in una posizione decente.

Il sentimento del mercato crittografico sta migliorando

Sebbene non sia una garanzia che la criptovaluta sia entrata in un mercato rialzista, il bitcoin mining che diventa redditizio è un segnale positivo. | Fonte: Shutterstock

È difficile affermare in modo conclusivo che la redditività del bitcoin mining può effettivamente segnalare la fine della correzione del mercato delle criptovalute.

Ma, considerando che il settore minerario è un settore chiave per la sostenibilità delle criptovalute, un ecosistema minerario sano aumenterebbe il sentiment attorno al bitcoin e al resto del mercato delle criptovalute, specialmente per le reti di blockchain proof of work.

Ancora più importante, il bitcoin ha storicamente mostrato un movimento al rialzo un anno prima di un dimezzamento del premio, un pezzo di dati che i minatori potrebbero prendere in considerazione nel prossimo futuro.

Circa l’autore

Joseph Young

Analista finanziario e criptovaluta di Hong Kong. Contribuire regolarmente a CCN e Hacked. Fornire approfondimenti unici nello spazio cripto e fintech dal 2012.

LEGGI DI PIÙ…

Fonte immagine: https://www.pexels.com/ (https://www.pexels.com/photo/close-up-of-coins-315788/)

Andrea Russo

Andrea Russo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *