Mediaset

Berlusconi contumace, riparte processo diritti TV

Il sui presunti di per la compravendita di diritti televisivi e cinematografici è ripreso con la dichiarazione di per , la cui difesa oggi non ha presentato istanza di legittimo impedimento. Riprenderà l’11 aprile prossimo.

Oggi dovrebbe verificarsi una prima udienza tecnica per stabilire il calendario del processo, sospeso lo scorso anno per la legge sul legittimo impedimento, annullata dalla Consulta il 13 gennaio scorso.

Il processo sui fondi neri Mediaset vede imputati, oltre al premier, l’avvocato britannico , il di Mediaset Confalonieri e alcuni manager dell’azienda e verte sulla compravendita di diritti cinematografici e televisivi di società americane per 470 milioni di euro, effettuate da Fininvest nel 1994 attraverso due società off-shore.

La procura milanese ipotizza che i diritti siano stati venduti alle due società off-shore da major americane, le quali li avrebbero poi rivenduti maggiorati di prezzo a Mediaset per aggirare il fisco italiano e creare fondi neri per Silvio Berlusconi.

Sia Mediaset che gli imputati hanno sempre respinto le accuse mosse dalla Procura di Milano.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *