Anonymous2

Attacco Hacker di Anonymous al CNAIPIC

[ADSENSE 1]
La battaglia tra gli della community Italy e le forze dell’ordine continua con nuovi colpi di scena: secondo un comunicato firmato da , sui server del Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche, o , erano presenti documenti che fanno riferimento a 11 paesi, includendo anche dati su ministeri di 6.  Sempre secondo il loro comunicato, gli hacker intendono diffondere tutto il materiale sottratto, evocando lo spettro di una nuova era di “dolori” per tutte le organizzazioni di protezione informatiche europee, colpevoli, sempre secondo , di aver ottenuto e raccolto prove che sono poi state utilizzate nel corso di molti anni per compiere operazioni illegali con la cooperazione di agenzie di intelligence straniere.

La Cnaipic ha commentato la notizia della diffusione del comunicato, sostenendo di stare approfondendo la portata e la natura dei fatti, nonchè l’eventuale autenticità dei documenti sottratti.

Redazione YouFOCUS.TV
[ADSENSE 2]




2 thoughts on “Attacco Hacker di Anonymous al CNAIPIC

  1. Lettore per caso

    Be chi è causa dei suoi mali pianga o piangerà se stesso, così recita un antico proverbio e così commenterebbe chiunque sapesse che ANCHE in Polizia come purtroppo in tutte la altre “forze di un antico ordine”, conta di più assumere per vie politiche e affidare consulenze da “baronie cattedratico” piùttosto che avvalersi di qualche illustre sconosciuto fortemente preparato ed in grado di fare fronte. Purtroppo qui non si tratta di “raccomandare” in ragazzotto damandare in pattuglia o a prendere schiaffi da qualche parte, qui siamo di fronte a questioni tecniche che per il 90 % si conoscopo sul campo il rimanente 10 % sta sui libri, sono cose non da “8 – 14 o 14 – 20 e da fine turno” sono cose di passione che spesso per 600 Euro con ritenuta alla fonte, vengono fatte per 2 gg consecutivi !
    Speriamo di piangere poco !

  2. Diego Ferad Autore dell'articolo

    Ed intanto restiamo in attesa di conoscere questi esplosivi contenuti (e la conseguente ovvia negazione delle cosiddette autorità)… stay tuned….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *