Amazon, Microsoft ha scelto di competere per il contratto di cloud computing del Pentagono

FOTO FOTO: Il logo di Amazon è visibile sulla porta di un negozio di libri Amazon Books a New York, USA, 14 febbraio 2019. REUTERS / Brendan McDermid / File Photo

WASHINGTON (Reuters) – Amazon.com Inc e Microsoft Corp sono stati selezionati per continuare a competere per i servizi di cloud computing del Pentagono come parte di un contratto che potrebbe valere circa $ 10 miliardi, ha detto oggi il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

La selezione lascia Oracle Corp e IBM Corp fuori dalla competizione per il contratto per il Joint Enterprise Defense Infrastructure Cloud del Dipartimento della Difesa, o JEDI. Il contratto fa parte di un’ampia modernizzazione dei sistemi informatici del Pentagono.

“Posso confermare che AWS (Amazon Web Services) e Microsoft sono le aziende che hanno soddisfatto i requisiti minimi delineati” nella Richiesta di proposte, ha detto in una dichiarazione la portavoce del dipartimento Elissa Smith.

Il Pentagono ha affermato nella sua richiesta di offerenti lo scorso anno che il contratto per i servizi di cloud computing potrebbe valere fino a $ 10 miliardi in un periodo di 10 anni.

Amazon Web Services, IBM, Microsoft e Oracle sono stati considerati i primi titolari del contratto, secondo i dirigenti del settore. A quel tempo, AWS era l’unica azienda approvata dal governo a gestire i dati segreti e top secret.

Smith disse che il primo contratto che probabilmente sarebbe stato aggiudicato era la metà di luglio, principalmente a causa delle dimensioni e della complessità dell’accordo, del potenziale contenzioso per le proteste e di un’indagine in corso.

Oracle ha espresso preoccupazione per il ruolo di un ex dipendente di Amazon che ha lavorato al progetto JEDI fino a quando non si è ricusato, poi ha lasciato il Dipartimento della Difesa e ha fatto ritorno a Amazon Web Services.

Smith ha detto che una revisione del dipartimento del processo di acquisizione ha scoperto potenziali violazioni etiche, che sono state deferite al generale dell’ispettore del Dipartimento della Difesa per ulteriori indagini.

Ma ha detto che l’inchiesta ha determinato che non ci sono “conflitti di interesse che hanno influenzato l’integrità del processo di acquisizione”.

Segnalazione di Eric Beech e David Alexander; montaggio di Grant McCool e Leslie Adler

Fonte immagine: https://morguefile.com/ (https://morguefile.com/)

Luigi Salmone

Luigi Salmone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *