Berlusconi proclama Alfano segretario

Alfano “incoronato” segretario del PDL. Berlusconi: “Gli italiani dovrebbero farci un monumento”

[ADSENSE 1]

Berlusconi ha aperto il del con l’elezione per acclamazione del ministro della Giustizia a del PDL. E non manca di dare show: “Gli italiani dovrebbero farci un monumento”, ha dichiarato. E poi parla del suo pupillo:”Conosco Alfano dalla fondazione del Partito. E’ un ragazzo leale, generoso e intelligente. Questa è un’investitura plebiscitaria”.

Durante il suo intervento il premier parla dei piani di governo a breve termine: insisterà sulla riforma della giustizia e sulle intercettazioni. Spinge nuovamente sulla necessità di modificare la per dare maggiori poteri al Governo e alla sua figura: “Dobbiamo riscrivere l’architettura dello Stato. Dobbiamo dare al governo pieni poteri, ripartire meglio i poteri. Al del Consiglio hanno riservato solo la possibilità di presentare i disegni di legge o i decreti legge. Oggi ci troviamo in un sistema così. A volte vengo preso dallo sconforto”

Poi la parola passa ad Alfano, il quale dedica il suo primo tributo a , che nel 1994 lo convinse ad iscriversi in Forza Italia. “Sono ben consapevole che ci sono altri più bravi e meritevoli, altri che avrebbero meritato di stare al mio posto”.

Poi ringrazia i coordinatori e si rivolge a Claudio Scajola e Altero Matteoli, che avevano esternato malumori per la sua nomina. Il suo intervento poi spazia sul futuro del Partito: Vorrei un partito che tra 17-20 anni ci sia ancora e dove un giovane consigliere provinciale o un ragazzo delegato abbia in un tempo non troppo lontano la possibilità di diventare segretario come accade a me, perché il partito glielo concede dando spazio a chi ha merito”.

Redazione YouFOCUS.TV

[ADSENSE 2]




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *