tmp_index(2)-2066558363

Alberto Musy, l’agguato lo uccide 19 mesi dopo

tmp_index(2)-2066558363

E’ ieri sera alle 22 notte , il consigliere comunale di ferito gravemente in un agguato sotto casa il 21 marzo del 2012. Candidato di Torino nel 2011, Musy é deceduto in seguito ad un’insufficienza respiratoria. Era in da quando, il 21 marzo 2012, venne colpito da diversi proiettili in un agguato perpetrato nel cortile della sua abitazione. All’indice per l’ c’é Francesco Furchi, per il quale il legale della famiglia Musy prospetta il cambiamento dell’accusa da tentato omicidio ad omicidio volontario premeditato, reato per il quale é prevista la pena dell’ergastolo. Il sindaco Fassino porge i suoi omaggi con un rispettoso ricordo dell’avversario politico: “Musy era un uomo mite, che faceva prevalere sempre la ragione, che aveva delle idee e le praticava con onestà, trasparenza e generosità. Un uomo che amava Torino e dedicava a Torino le sue migliori energie. La sua morte non fa che aumentare lo sconcerto e lo sgomento per un episodio oscuro. La sua è una famiglia straordinaria, di grandi valori morali.”

Redazione YouFOCUS.TV




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *